Queste sono solo alcune delle parole di Dan Pallotta, una risposta decisa alle critiche che da qualche tempo hanno preso di mira Apple.

Tim-Cook-logo-Apple_h_partb

Negli ultimi mesi, sia la stampa che gli analisti, ne hanno dette di tutti i colori nei confronti di Apple, senza escludere frasi del tutto prive di senso, quasi che tutti siano convinti che l’azienda sia vicina al fallimento. Articoli sul web che parlano del mondo Apple sono seguiti da forti e insensati commenti di alcuni lettori. Tra questi, c’è chi pensa che in borsa Apple scenderà sotto i 200$, chi ritiene che l’azienda non sia più in grado di portare innovazione, chi pensa che nessuno voglia più comprare un iPhone e addirittura chi sostiene che, se Steve Jobs fosse vivo, sarebbe infuriato nei confronti di Tim Cook.

Come risposta a tutto ciò, qui di seguito vi proponiamo un interessante discorso pronunciato da Dan Pallotta, di Pallotta TeamWorks, rilasciato a CNBC. Un discorso che non necessita commenti, nel quale egli spiega in maniera esauriente il suo punto di vista.

<<Le prospettive a breve termine per Apple sono così alte che la gente sta avendo le allucinazioni. Loro hanno perso di vista la più grande immagine. Essi si aspettano letteralmente che Apple lanci qualcosa sul mercato che sia simile ad una “macchina della felicità” o ad una macchina del tempo…Apple, non ha bisogno di stravolgere le cose fino a questo livello per prosperare, e non ha bisogno di innovare ogni 20 minuti per rappresentare uno dei migliori investimenti sul pianeta.

La gente si sta scagliando contro Tim Cook, dicendo: “Lui non ha introdotto un nuovo prodotto dirompente, non ha innovato”.

Non ha innovato? Questo è un ragazzo che, in un anno, ha portato avanti l’azienda, attraversando un orribile periodo di lutto, ed è riuscito a rinnovare tutti i terminali della linea di prodotti di Apple.

Le persone, inoltre, dimenticano che Steve Jobs non ha portato innovazione ogni anno. Non ha presentato prodotti dirompenti ogni anno. Sappiamo che dovettero passare quattro anni dal momento in cui riprese le redini di Apple prima che presentasse il famoso iPod. Inoltre, quando fu presentato, la gente diceva “Oh, è troppo costoso”.

Sono passati sei anni tra la presentazione di iPod e quella di iPhone, e quando iPhone fu presentato, ognuno disse “Bene, non è dirompente. Non ha la tastiera fisica, sarà un flop, ed è troppo costoso”. Sono passati altri quattro anni, prima della presentazione di iPad, e quando la gente lo ha visto, disse “Oh, non è dirompente, è solo un iPhone più grande”. Dunque, quello che le persone non capiscono, è che Apple si prende tempo per poi fare le cose nella giusta maniera, e questo è dirompente. Questa è l’innovazione.>>

[via]


Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone