Continua la campagna OpFreeKorea voluta ed ideata da Anonymous per protestare contro le recenti scelte politiche del regime nordcoreano; sono stati violati molteplici account di importanti social network come Flickr e Twitter

north-korea-638x425


Mentre la Corea del Nord continua a minare la tranquillità e la pace di tutto il mondo con la minaccia di attacchi nucleari agli Stati Uniti, Anonymous prosegue la sua campagna contro le scelte politiche del regime dittatoriale di Kim Young-un. Dopo aver violato ben 15.000 account con le relative password dal sito  Uriminzokkiri.com, il famoso gruppo di hacker ha deciso di continuare la propria battaglia annunciando di aver violato numerosi account Twitter e Flickr, ma anche di due importantissimi siti Nord Coreani.

La richiesta di Anonymous è molto chiara: le dimissioni immediate di Kim Young-un, la realizzazione di una vera democrazia libera da qualsiasi forma di dittatura e la garanzia del libero accesso al web senza alcuna forma di censura. Le richieste degli hacker evidentemente non sono state accolte, ma la protesta e le voci contro il regime nelle varie piattaforme di micro-blogging si fanno sempre più numerose ed insistenti.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone