Un rapporto di Moody Investment Services conferma che la scelta di Apple di prendere in prestito i 100 miliardi di dollari necessari per finanziare la sua azione di acquisto e dei piani di dividendi, si tradurrà in enormi risparmi fiscali, stimati intorno ai 9,2 miliardi di dollari.

Gerald Granovsky, un grande vice presidente di Moody afferma che in base ai tassi correnti, Apple pagherà circa 308 milioni di dollari l’anno di interessi, per un’offerta di obbligazioni da 17 miliardi di dollari.”Da una prospettiva di pura teoria aziendale e di finanza, questo è stato un gioco da ragazzi” ha detto Granovsky. Apple sui 100 miliardi, avrebbe dovuto pagare circa un 35% di tasse: questo significa che la ditta di Cupertino si è risparmiata il pagamento di circa 9,2 miliardi di dollari di tasse. Per di più, dal momento che i pagamenti di interessi sono deducibili dalle tasse, ci sono altri 100 milioni di dollari di detrazioni all’anno.

Il prestito obbligazionario di Apple da 17 miliardi di dollari ha stabilito un nuovo record aziendale. L’interesse per le obbligazioni è continuato anche dopo che la vendita è stata completata, con la segnalazione da parte di MarketWatch di livelli senza precedenti di negoziazione di obbligazioni Apple nelle 48 ore dopo l’emissione.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone