La nota azienda che produce processori per smartphone e tablet aveva dichiarato che il nuovo processore A7 a 64 bit, presente nel nuovo iPhone, era più una trovata di marketing e non un reale avanzamento tecnologico. Oggi Qualcomm smentisce quanto detto in passato con nuove dichiarazioni.

chip-a7

Ormai è risaputo, ogni volta che Apple introduce nuove idee la concorrenza e la critica non fanno altro che sottolineare quanto siano inappropriate, è anche risaputo che più e più volte ormai, la concorrenza ritiri quanto detto e introduca le stesse innovazioni anche nei suoi prodotti. Questa volta è il caso di Qualcomm, che ricordiamo essere un’azienda molto in rilievo grazie ai processori di propria produzione che vengono montati in smartphone e tablet. La scorsa settimana Anand Chandrasekher (vice presidente senior di Qualcomm e responsabile dell’ufficio marketing) aveva dichiarato che il nuovo processore a 64 bit di Apple era solo una trovata di marketing e che gli utenti del nuovo iPhone non ne avrebbero beneficiato molto in termini di potenza e velocità. Oggi un portavoce di Qualcomm ha smentito quanto detto finora dichiarando: ” Le osservazioni formulate da Anand Chandrasekher, riguardo al processore A7 a 64 bit di Apple erano inesatte”, non sono stati aggiunti ulteriori dettagli, ma quanto successo fa presupporre che in futuro anche Qualcomm adotterà tale architettura nei suoi processori.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone