Ad Asti siamo ai limiti dell’assurdo. Roberto Cairo, commercialista e titolare di una piadineria, viene multato di 5300€ per aver messo a disposizione dei clienti 4 iPad, da utilizzare durante la consumazione delle piadine.

20140119-193705.jpg


Roberto rilascia una dichiarazione al riguardo:

«Qualche giorno fa sono venuti due finanzieri che mi hanno sequestrato quattro “tablet”. Li avevo messi sul banco, a disposizione dei clienti che tra una piadina e un panino potevano leggere “La Stampa” on line o – per i clienti più giovani – c’era la possibilità di accedere a qualche applicazione con dei banalissimi giochi scaricabili su ogni iPad».

Mentre i finanzieri, che hanno multato il commercialista di Asti hanno riferito che:

«I tablet, erano sprovvisti dell’autorizzazione necessaria per essere installati in un locale pubblico, e non avevano la prevista targhetta identificativa.»

Del caso si sta interessando il deputato 5 Stelle Paolo Romano:

«Non si può multare un barista solo per il fatto che tiene nel suo locale un mazzo di carte. Mi pare che la legge abbia parecchie zone d’ombra e che vadano quanto meno colmate al più presto queste lacune normative . Presenterò presto un emendamento».

La notizia è alquanto scoccante, sia per il 49enne Roberto Cairo, sia per ogni persona che sente questa triste storia di assurdità delle normative.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone