Dopo l’annuncio di Apple, che vede Peter Oppenheimer CFO, in pensione nel mese di settembre, l’Australian Financial Review ha portato alla luce le prove di un regime, che si dice ha permesso ad Apple, di spostare circa 9 miliardi di dollari di profitti non tassati in Irlanda. Il programma ha permesso ad Apple di farla franca pagando solo 200 milioni di dollari di tasse su 8,9 miliardi dollari di profitto, nel corso degli ultimi dieci anni.

peteroppenheimertimcookdiscussestaxcodeefircwcso7cx

Ecco come funziona il tutto: Apple ha creato una società con sede in Irlanda, conosciuta come Apple Sales International, che gestisce i soldi verso il bilancio per la ricerca e lo sviluppo di Cupertino. Questo permette all’azienda di rivendicare legalmente una partecipazione economica di questi prodotti, e fornisce la proprietà parziale delle proprietà intellettuali che compongono i prodotti Apple.

La maggior parte dei profitti per le vendite internazionali di questi prodotti vengono poi instradati verso Apple Sales International. con il pretesto di licenze di proprietà intellettuale. Come notato sopra, questa figura esce a circa 8,9 miliardi dollari nel corso di un decennio. Questo denaro è pagato ad Apple prima del calcolo delle imposte, consentendo di ricevere profitti molto più bassi, e quindi pagare le tasse molto più basse, mentre viene ridistribuito il denaro nel bilancio di Cupertino.

Va notato che niente qui in realtà è illegale secondo i funzionari del governo australiano. Lo storno di fondi all’estero per evitare la tassazione non è una pratica estremamente rara. Molte grandi aziende internazionali usano trucchi e scappatoie per ridurre al minimo l’impatto delle imposte. Nonostante ciò, il governo australiano ha riferito che tenterà di recuperare le tasse che Apple e altri hanno evitato.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone