Qualcosa di davvero strano sta succedendo in casa Samsung. La casa Coreana sostiene che, nella guerra brevetti con Apple, che vede Samsung copiare tantissimi brevetti di Apple, non vi è alcuna validità legale nei brevetti registrati regolarmente.

patented-121008

La seconda prova di violazione dei brevetti di Apple contro Samsung, inizia oggi, delineando una battaglia che le due parti stanno conducendo in modi molto diversi. Apple sta espandendo le prove della sua strategia legale delineata nella prima prova, mentre Samsung sta cominciando con una nuova tattica, volta a svalutare le invenzioni di Apple, in modo che possa continuare da usarli per praticamente nulla, truffando apertamente il mondo degli smartphone e dei tablet.

Nella causa iniziale, depositata nell’aprile 2011, Apple ha sostenuto tre brevetti tecnologici e quattro brevetti di design. Ha cercato di dimostrare alla giuria che, costosi investimenti, rischi, ed anni di duro lavoro Apple, nello sviluppo di iPhone ed iPad, è stato semplicemente copiato dal suo partner di fornitura di componenti Samsung, violando i diritti legali ottenuti inventando iOS.

Samsung ha portato cinque brevetti propri per la prima prova. Tuttavia, piuttosto che rappresentare le tecnologie uniche che Samsung aveva usato per differenziare i propri prodotti sul mercato, i brevetti asseriti da Samsung riguardavano idee tecniche all’interno degli standard dei brevetti essenziali, commessi in precedenza a FRAND (equo, ragionevole e non discriminatorio).

Samsung.Apple.copy.032614

Apple ha prevalso a convincere la giuria sul fatto che Samsung aveva violato le sue tecnologie in modo univoco e distintivo, con il suo aspetto generale del marchio creato da Apple, in gran parte utilizzando prove generate da Samsung stessa, tra cui il documento “Copy Cat”, ovvero un documento interno che sottolineava nel dettaglio gli sforzi di Samsung utili a copiare le caratteristiche uniche di iPhone, ma solo per un periodo di alcuni mesi, al fine di fornire una propria linea ai prodotti Galaxy, ammettendo così la sua colpevolezza schiacciante.

Nella seconda prova, che è iniziata oggi, vediamo Samsung formulare ipotesi davvero assurde…

Pur essendo stato nel business smartphone per molti anni prima di Apple, Samsung non ha portato con successo i propri brevetti di utilità al processo contro Apple, dato che, le vecchie tecnologie usate sa Samsung all’epoca, non sono minimamente paragonabili a quelle che Apple ha creato.

L’unico modo per uscire da questa storia con la coscienza sporca, ma con più soldi in tasca, sarebbe pateggiare con Apple un’ennesima somma da pagare, ma passerebbero comunque alla storia come la società che ha copiato di più al mondo.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone