Facebook ha deciso di rimuovere dall’App Store le sue applicazioni Poke e Camera, che non hanno avuto il successo tanto sperato. img_5539

Anche se Facebook vuole apparentemente dividere il più possibile molte delle sue funzioni in applicazioni esterne separate il più possibile – vedi Messenger e Gestore delle Pagine, per esempio – sembra che non tutte le funzioni siano degne del proprio profilo su App Store. Oggi il social network ha ritirato dall’App Store due delle sue applicazioni iOS: Poke (una specie di chat in stile Messenger) e Camera (che è esattamente quello che sembra). Entrambe le applicazioni sono state lanciate nel 2012 e non hanno visto molti grandi miglioramenti. Camera ha ottenuto alcuni piccoli aggiornamenti, anche se non sembrano essere una priorità per l’azienda. Ad un certo punto un bug ha lasciato le impostazioni di amministratore dell’app esposte a tutti gli utenti per diversi mesi prima di essere fixato. Poke, d’altra parte, è stato praticamente ignorato da Facebook dal giorno in cui è stata pubblicata finché non è stata rimosso dallo store. Facebook non ha fornito alcun motivo per ritirare le due app, ma è lecito ritenere che non venivano utilizzate più di tanto. L’azienda ora sembra più concentrata sulla sua piattaforma di messaggistica, dopo la recente acquisizione di WhatsApp per 19 miliardi di dollari e dopo l’annuncio dell’intenzione di rimuovere la funzione di messaging dal client principale di Facebook, per favorire l’utilizzo dell’applicazione gratuita Messenger.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone