Quasi un mese dopo il raggiungimento di un accordo preliminare, gli avvocati che rappresentano migliaia di lavoratori della Silicon Valley hanno chiesto ufficialmente Giovedì al giudice federale di vigilanza di approvare un accordo che costerà Apple, Google, Intel e Adobe qualcosa come 324,5 milioni di dollari per aver cospirato per sopprimere l’inflazione sullo stipendio.

12.01.27-Jobs-Schmidt

Il deposito di legge cita:

I querelanti e i patteggianti dei deputati hanno raggiunto la risoluzione attraverso una combattuta negoziazione, dopo tre anni di contenzioso.

Il giudice Lucy Koh – un volto familiare per gli osservatori di Apple – deve ancora approvare il regolamento.

Se approvato, ciascuno degli oltre 60.000 lavoratori interessati riceveranno tra $2.000 e $8.000, a seconda del loro stipendio durante il periodo coperto dalla querela. I quattro imputati hanno deciso di effettuare un pagamento iniziale di $1 milione entro 10 giorni dall’approvazione preliminare, con i restanti 323,5 milioni di dollari da versare entro 7 giorni dall’approvazione definitiva.

Più di 80 milioni di dollari di tale fondo è richiesto dagli avvocati per i querelanti per coprire le commissioni e le spese legali.

Come parte della transazione, Apple, Google, Intel e Adobe sono stati anche rilasciati da ulteriori pretese derivanti dalla presunta cospirazione. Tale accordo si applica a tutte le azioni intraprese dall’assunzione fino alla data di efficacia della liquidazione.

La causa è stata prima portata nel 2011 da parte dei dipendenti della Silicon Valley che hanno accusato Apple, Google, Intel, Adobe, ed altri di essersi accordati illegalmente per non assumere reciprocamente i dipendenti, riducendo la competizione per i migliori ingegneri e abbassando gli stipendi. Le prove contro i giganti della tecnologia erano forti – tra cui una chiamata al Sergey Brin di Google da parte dell’ex CEO di Apple Steve Jobs, in cui minacciava “guerra ” contro Google, se avessero assunto qualsiasi altro dipendente di Apple – che probabilmente ha contribuito al desiderio di risolvere, piuttosto che litigare per il caso rischiando di perdere fino a 9 miliardi di dollari per motivi di antitrust.

Il Dipartimento di Giustizia Americano ha livellato la propria causa in merito alla questione dopo aver indagato su Apple, Adobe, Google, Intel, Intuit e Pixar per le stesse misure anti-bracconaggio. Come in questa class-action, i convenuti in ultima analisi stabilirono quel caso con il Dipartimento di Giustizia nel 2010.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone