Diamo uno sguardo ravvicinato ad iBeacon, la tecnologia creata da Apple che potrebbe venire integrata nella futura automazione domestica!

6a0120a5580826970c01a73dcc3eff970d-800wi

Alcuni anni fa la tecnologia Beacon costruita su comunicazioni BLE (Bluetooth Low Energy, a basso consumo di energia) ha portato il potenziale per cambiare il nostro modo di negoziare e di vivere. Immaginate l’installazione di un app sul tuo dispositivo mobile con BLE abilitata, andare in un negozio, e di essere in grado di visualizzare informazioni sui prodotti semplicemente toccando il vostro smartphone o tablet su un prodotto. Con piccoli dispositivi Beacon collocati in tutto il negozio, è possibile ricevere sconti-evento di benvenuto solo perché è la prima volta che è stata utilizzata l’app iBeacon in un negozio particolare. Il nostro rapporto fornisce una breve panoramica di iBeacon in azione e oltre.

In aggiunta a quanto abbiamo osservato nel nostro riassunto di apertura, gli utenti saranno inoltre in grado di essere ad una partita di baseball ed essere in grado di controllare quale chiosco ha la fila più breve o dove sono offerte le promozioni. Gli utenti saranno inoltre in grado di arrivare ad un aeroporto e ottenere importanti informazioni di volo sul dispositivo, comprese le cancellazioni e le indicazioni per il gate di cui avete bisogno immediatamente. Questo è ciò che la tecnologia Beacon promette ai consumatori, e secondo il Washington Post, l’impatto economico a livello mondiale potrebbe valere migliaia di miliardi di dollari.

Quali dispositivi Apple supportano iBeacon?

Secondo Apple, la tecnologia iBeacon lavorerà con i seguenti dispositivi mobili con iOS 7 o versioni successive, e devono avere il Bluetooth attivato nelle impostazioni:

  • iPhone 4S o successivi;
  • iPad 3a generazione o successivi;
  • iPad Mini o successivi;
  • iPod touch 5a generazione o versioni successive.

Perché usare BLE invece di GPS o NFC?

Il GPS (Global Positioning System, Sistema di Posizionamento Globale) non è inteso per un uso interno di micro-posizione, essendo impreciso per distanze inferiori a 30 piedi (poco più di 9 metri). Il NFC, mentre è utilizzato da anni come parte di tecnologie di pagamento nei telefoni cellulari in alcune parti d’Europa e in Asia, è l’opposto dl GPS nel senso che può funzionare solo per distanze molto brevi. La gamma del NFC è teoricamente 20 centimetri (o meno di 8 pollici), anche se la distanza ottimale è di 4 centimetri (o poco più di 1,5 pollici). Mentre i sensori basati su BLE sono più costosi di quelli con chip NFC, la loro gamma è fino a 50 metri (o poco più di 164piedi) – che ne fanno un utilizzo più versatile, tra cui il già citato rilevamento di micro-posizione.

Quindi cosa ci guadagna il consumatore?

Ci sono molti scenari di esperienza del consumatore che possono essere migliorate dalla tecnologia Beacon e rilevamento di micro-posizione. Alcuni degli usi di seguito elencati sono già attuati, o stanno per essere attuati, o potrebbero potenzialmente essere attuati:

  • Offrire sconti di breve durata per gli acquirenti vicini;
  • Incentivi ai distributori di benzina, concessionarie auto e altro ancora;
  • Il Beacon può essere sfruttato da un dispositivo mobile, dopo che il dispositivo richiede di ricevere informazioni sui prodotti su un dato scaffale (questa è la caratteristica che hanno gettonato maggiorente i consumatori sono più interessati);
  • Per i possessori di biglietti, una visualizzazione mobile dei loro biglietti, indicazioni per posti in uno stadio o alle code di attesa più brevi;
  • Personalizzare i messaggi di benvenuto, con specialità on-demand;
  • Indagini di uscita personalizzate, con degli incentivi per la prossima visita;
  • Coupon digitali mandate via Push al dispositivo mobile del cliente in base a dove si trovano in un negozio – come in uno specifica corsia nel negozio di alimentari;
  • Mappe interattive per fare la spesa;
  • Collegamenti ad opinioni su un particolare prodotto desiderao;
  • Personal Shopper digitale, con raccomandazioni personalizzate basate sullo storico precedente dei negozi, compreso il comportamento dello shopping online – se un consumatore lo ha richiesto;
  • Accesso ai temi di tutte le di riviste digitali per committenti dei bar, studi medici e dentistici, e altro ancora;
  • Guide mobili ai tour automatizzate nei musei e in altri luoghi;
  • Controllo dell’automatizzazione domestica (o domotica) in base alla presenza (questo è un punto interessante se si considera che la Domotica può essere introdotta la prossima settimana al WWDC di Apple);
  • I giocattoli che possono reagire alla posizione l’uno dell’altro.

6a0120a5580826970c01a511c10c9f970c-800wi

Per quanto riguarda Sicurezza?

Questa è una preoccupazione legittima, soprattutto per la tecnologia che sa dove sei, per così dire, in determinate zone. La sicurezza è ciò che ogni rivenditore e altre organizzazioni fanno, per le rispettive applicazioni. I consumatori dovrebbero vedere in anteprima cosa un app raccoglie o no prima di utilizzarla. Ci sono anche preoccupazioni da parte di alcuni sostenitori della privacy che i dispositivi Beacon potrebbero essere clonati o contraffatti. Dato che vi è la speculazione che Apple costruirà un sistema di pagamento mobile su iBeacon, queste preoccupazioni di sicurezza devono essere dimostrabilmente affrontate ed occorre essere protetti contro di esse.

Shopping nel futuro

Senza dubbio ci saranno intoppi nella tecnologia Beacon per appianare nelle fasi iniziali, e ciò significa che i clienti saranno inizialmente frustrati. Altri ostacoli sono gli strati multipli di autorizzazioni necessarie per la rilevazione di micro-localizzazione, tra cui attivare il Bluetooth sul dispositivo, accettare i servizi di localizzazione di una applicazione specifica e optare per le notifiche di marketing.

Indipendentemente dal tipo di tecnologia Beacon, tuttavia, la possibilità di migliorare le esperienze di shopping, divertimento, viaggi e altri scopi probabilmente generano una domanda sufficiente perché queste tecnologie saranno appianate il più presto possibile – dopo il quale i consumatori potranno forse chiedersi come mai andare avanti senza queste esperienze di avvisi per micro-localizzazione nella nostra vita quotidiana.

Personalmente non vedo l’ora che questa tecnologia ci travolga (ovviamente quando sarà sicura, e non prima). E voi cosa ne pensate? Fatemelo sapere nei commenti!

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone