Apple potrebbe affrontare nuove sfide con la privacy e le normative per quanto riguarda la sua prossima funzione di iOS 8 HealthKit.

192425-1280

Il rapporto della fonte discute su come il suo servizio HealthKit lavorerà presso il Monte Sinai, la Cleveland Clinic e la Johns Hopkins, nonché con Allscripts, un concorrente di elettronica del provider di cartelle cliniche Epic Systems.

Apple vuole che HealthKit diventi un ‘asse centrale’ nella sua spinta più ampia nell’assistenza sanitaria mobile. Ha già partnership con Nike, Epic e la Mayo Clinic. Presto decine di grandi sistemi sanitari che utilizzano Epic saranno in grado di integrare i dati provenienti da HealthKit nel record personale sanitario di Epic, chiamato MyChart.

Secondo alcune voci, anche Kaiser Permanente starebbe testando applicazioni che sfruttano HealthKit, e potrebbe parlare con Apple a proposito di una collaborazione più formale.

Mentre questi progressi sono promettenti, Apple probabilmente affronterà delle sfide con la tutela della privacy dei consumatori. Dovrà anche lavorare con i requisiti dei regolatori delle agenzie federali. Almeno una mezza dozzina di uffici governativi sembra che abbiano le mani su qualche area della salute mobile.

HealthKit si basa sulla capacità degli utenti di condividere i dati. Ma a seconda di come vengono utilizzati i dati, i suoi partner – e potenzialmente anche Apple – possono essere soggetti ai requisiti della Health Insurance Portability and Accountability Act o HIPAA. HIPAA protegge le informazioni sanitarie personali identificabili – come ad esempio un referto medico o le spese ospedaliere – archiviate o trasmesse da un “entità coperta”, come un fornitore di assistenza o di piano sanitario. Le informazioni generate dal paziente da una applicazione mobile, per esempio, devono essere protette una volta che i dati sono forniti ad un soggetto coperto o al suo agente.

Joy Pritts, l’ex capo ufficiale della privacy per l’Ufficio del Coordinatore Nazionale per la Sanità IT (ONC), ha detto che per Apple potrebbe essere necessario valutare la sua responsabilità di salvaguardare i dati con ciascun partenariato. Dichiara in merito:

E’ davvero difficile per i consumatori sapere se le loro informazioni sanitarie sono protette da HIPAA perché è questo dipende molto da fatti specifici.

Per aiutare con questi ostacoli, Apple ha assunto e consultato numerosi esperti di salute e avvocati. I suoi funzionari hanno anche visitato la FDA e la ONC. Secondo quanto riferito, Apple vuole garantire che i fornitori, non se stessa, siano responsabili del rispetto delle esigenze di riservatezza.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone