Queste le parole di Corrado Calabrò, presidente di Agcom Italia, espresse ieri mattina alla relazione annuale, dinanzi ai parlamentari italiani.

http://www.sostariffe.it/news/wp-content/uploads/2010/10/agcom_nemesys1.jpg

C’è un aspetto positivo, nota Calabrò. Sono 12 milioni di italiani che navigano in rete via telefonino. Oltre 6 milioni sono le chiavette attive al primo trimestre e il valore del mercato mobile internet ha raggiunto a fine 2010 un valore di oltre 1,100 miliari di euro, +7 per cento rispetto al 2009. Tra smartphone e chiavette il numero degli utenti attivi è raddoppiato, circa 17 milioni nel gennaio 2011 con un incremento del traffico dati dell’82 per cento nel 2010. Il traffico complessivo è cresciuto di 16 volte negli ultimi quattro anni.

Ma anche qui c’è un pericolo. Il rovescio della medaglia: “Le reti mobili saranno inevitabilmente intasate se gli operatori non otterranno nuove frequenze”. Calabrò si riferisce all’asta delle frequenze televisive fissata dal governo entro il 2010, per assegnarle alla banda larga mobile al valore di 2,4 miliardi di euro. L’impasse, che sta mettendo in pericolo l’asta, è lo scontro tra il governo e le tv locali, che vogliono cedere le frequenze solo a fronte di un cospicuo indennizzo.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone