Apple e Google si appellano alla sentenza del tribunale secondo cui il regolamento del caso ‘non-sollecitazione’ era troppo basso.

apple-store

Il caso ‘non-sollecitazione’ risuona ancora. Dopo una class action dell’antitrust svolto l’anno scorso che ha accusato Apple, Google, Intel e Adobe di un accordo segreto per non portarsi via il personale gli uni dagli altri, il caso sembrava essersi concluso totalmente nel mese di Aprile, quando le parti hanno raggiunto un accordo da $324M.

Le regolamentazioni devono essere firmate da un tribunale, tuttavia, al fine di garantire che si ritenesse equo per tutte le parti. All’inizio di questo mese, il giudice Lucy Koh ha respinto la risoluzione, dicendo che l’importo avrebbe dovuto essere di $380M.

Due giorni fa, le parti hanno ripreso i negoziati di pace con l’aiuto di un giudice in pensione, ma sembra che questi non vanno bene: adesso Reuters riporta che Apple e Google hanno chiesto ad una corte d’appello di ribaltare la decisione del giudice Koh:

In una richiesta presentata al tribunale in ritardo Giovedi, le società hanno chiesto al 9° US Circuit Court of Appeals di annullare la decisione di Koh.

Koh “ha commesso un chiaro errore di diritto” ed ha “illegittimamente sostituito la valutazione del giudice del valore della causa per quella delle parti che sono state in giudizio in caso di più di tre anni”, hanno scritto.

Il giudice Koh aveva in precedenza detto che Steve Jobs “era stata una, se non la, figura centrale nella presunta cospirazione”.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone