Nick Mason, il batterista dei Pink Floyd incolpa Apple per la caduta della musica.Nick_Mason_cropped-640x513

Apple ha sempre abbracciato il mondo della musica, ed il batterista dei Pink Floyd, Nick Mason, ha detto forse la cosa peggiore che si possa dire a riguardo della musica: che è passé.

Mason parlava, in particolare, di iTunes, un servizio che ormai sta andando sempre più disuso a causa di servizi come Spotify e simili.

Intervistato dalla rivista GQ, i commenti di Mason offrono un assaggio di come una parte del mondo della musica vede Apple, e fa capire perché deve cambiare prima che sia troppo tardi

Parlando dell’ultimo album regalato lo scorso anno degli U2, ecco cosa ha detto:

Vedere come sia andato rovinosamente giù è stato molto interessante. Permettetemi di essere del tutto chiaro circa la mia posizione: se Apple fosse venuta da me dicendomi, ‘Nick, noi vogliamo regalare il vostro album in cambio di 50 milioni di sterline’, non avrei potuto pensare ad una idea migliore.

I Radiohead ha fatto qualcosa di simile qualche anno fa, nel 2008, con Rainbows, ed ha funzionato. Ma questo ha fallito. Ha fatto in modo che tutti pensassero in che modo volessero possedere la propria musica, che si tratti di un acquisto o di un regalo. 

Guarda, gli U2 sono una grande band, e Bono è un individuo straordinario, quindi questo non è una filippica anti-U2. Ma mette in luce un aspetto vitale per l’intera idea di musica del 21 ° secolo.

La cosa interessante è che Apple sembra averla fatta franca. Nessuno di loro ha colpa. Apple ha fatto grandi cose, ma ha anche contribuito a questo processo di svalutazione.

Detto questo, iTunes sta già cominciando a sembrare piuttosto passé, e invece è Spotify che si presenta come il futuro. Ciò di cui abbiamo bisogno è un altro due o tre miliardi di persone che lo utilizza, allora avrebbe tutto più senso per i musicisti.

[via]



Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone