L’amministratore delegato, e fondatore della società Apple, Steve Jobs scrive una lettera agli azionisti e ai dipendenti: “E’ venuto il giorno in cui non posso più rispettare i miei di CEO”. Al suo posto è stato nominato Tim Cook. Il titolo in borsa crolla del 10%.

Steve Jobs, l’inventore e patron della Apple, ha rassegnato le dimissioni da amministratore delegato della società di Cupertino, e ha annunciato di voler chiedere al Consiglio di amministrazione di nominarlo presidente.

Lo ha fatto con un’accurata lettera agli azionisti e ai dipendenti. “Ho sempre detto che sarebbe venuto il giorno in cui non avrei più potuto rispettare i miei impegni come Ad di Apple. Sfortunatamente quel giorno è arrivato”, si legge nella missiva in cui Jobs designa come successore Tim Cook e conferma la sua fiducia nella società: “Credo che i più brillanti e innovativi giorni di Apple sono davanti a noi, ed io guardo avanti per contribuire al successo (di Apple) in un nuovo ruolo”. Jobs, sopravvissuto ad un tumore al pancreas ed ad un trapianto di fegato, aveva preso un periodo di convalescenza il 17 gennaio 2011. Il papà di tutti i grandi successi di Apple lascierà quindi ogni impegno operativo, e ha proposto il nome del suo attuale successore ad interim, Tim Cook come Ad di Apple.

Non appena si è diffusa la notizia delle dimissioni il titolo ha cominciato a soffrire in Borsa perdendo il 10% a Wall Street.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone