Architetti e designer che lavorano per conto di Apple curano in modo maniacale il design di un nuovo Store. Da uno dei disegni del progetto dell’Apple Store sulla 4th Street di Berkeley è possibile vedere come l’azienda cerchi di ottenere la perfetta simmetria tenendo conto di vetri alle finestre, porte, piastrelle e persino del marciapiede davanti al negozio. Maniaci! Una cosa davvero sorprendente, quanto Apple si prenda cura anche degli Apple Store in maniera così ossessiva.

Questo diagramma mostra la grande attenzione che architetti e designer hanno quando si progetta un nuovo negozio. Questo schema si basa sul design del 4th Street. Ma la simmetria simile si trova in altri negozi. Clicca sull’immagine per una dettagliata visualizzazione.

L’attenzione al minimo dettaglio si spinge alle estreme conseguenze e tutto è, appunto, perfettamente simmetrico. Tutti gli elementi costruttivi e di arredo sono predisposti in modo da essere allineati e simmetrici: le piastrelle del pavimento, i vetri alle finestre, le parti in metallo e persino la pavimentazione del marciapiede all’esterno del negozio. L’effetto sarà pienamente visibile a lavori ultimati, passanti e visitatori noteranno certamente il notevole impatto del negozio probabilmente non rendendosi conto del perché questo sia così “magnetico”.

La costruzione di un Apple Store prevede numerosi studi e preparativi: il fabbricato è costruito con pietre ricercate, acciaio, vetro e materiali selezionati provenienti da varie parti del mondo.

Ad esempio anche il cubo trasparente sulla “fifth avenue” è un’opera d’architettura curatissima nei particolari e indicativa dei rigidi canoni seguiti dalla casa di Cupertino nel campo del design. Un video di qualche tempo addietro (che vi ripresentiamo qui sotto),

consente di comprendere come dietro tale opera d’ingegneria vi siano numerosi studi e preparativi. Il fabbricato è costruito con particolari pietre italiane, acciaio, vetro e i materiali selezionati provenienti da varie parti del mondo.

Le lastre di pietra provengono dalla provincia fiorentina e il committente richiede che tutte le piastrelle siano dello stesso colore e senza variazioni cromatiche, garanzie non facilmente ottenibili da materiali disponibili in natura. L’acciaio proviene dal Giappone ed è sottoposto a un trattamento speciale che lo rende riflettente come uno specchio. La polvere usata per cambiare la rifrazione dell’acciaio è fine come la farina da cucina.

 

Le squadre d’operai che lavorano alla costruzione del cubo sono attente a ogni particolare, avendo cura anche per i piccoli dettagli e attenzione nell’ottenere i migliori risultati. Tanta ricercatezza è apprezzata da newyorkesi e dai turisti, tanto da farne, come già detto, uno degli oggetti (qualcuno azzarda “un monumento”) tra i più fotografati della città.Al sol pensiero, sto diventando anche io così maniacale, ma soprattutto felice, perchè sapere che dietro un Apple Store c’è cosi’ tanto duro lavoro, e solo per rendere felice milioni di Persone nel mondo.

Grazie Ancora per averci stupito.

Via

[adsense]
Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone