Una domanda di brevetto di Apple indica una modalità di attuazione di un sistema di otturatore attivo che blocca automaticamente l’accesso ad altoparlante, microfono e altre aperture delle porte per iPhone e iPad, proteggendo i componenti sensibili all’interno da liquidi.

Apple inventa un sistema per proteggere iPhone dai liquidi

Come pubblicato dal Patent and Trademark Office degli Stati Uniti Apple ha depositato un brevetto che descrive un sistema a comando elettrico disposto sopra le aperture dei componenti critici come microfoni ed altoparlanti. Al comando, questi meccanismi di scatto possono bloccare rapidamente l’ingresso di liquidi nei dispositivi.

L’invenzione di Apple può essere applicata a qualsiasi apertura su un iPhone, dal jack per cuffie allo slot della scheda SIM laterale.

L’idea è di sigillare la camera d’aria quando un diffusore non è in uso, impedendo la penetrazione di liquidi, polvere e altri contaminanti.

Apple propone un metodo che impiega sensori per rilevare la presenza di umidità, agenti inquinanti dispersi nell’aria e altre condizioni ambientali potenzialmente pregiudizievoli che potrebbero giustificare un cambiamento di stato da aperto a chiuso, o viceversa. Gli otturatori possono mantenere uno stato completamente chiuso, l’apertura avviene solo quando un evento come una telefonata o un avviso di sistema richiede l’accesso agli altoparlanti. In alternativa, gli otturatori, naturalmente, potrebbero mantenere uno stato di completa apertura e chiudersi solamente quando i sensori di bordo rilevano un elevato rischio di contaminazione.

In alcuni casi, gli utenti possono attivare gli otturatori utilizzando i comandi vocali o una GUI sullo schermo dedicato.

Infine, l’invenzione di Apple permette tramite un interruttore esterno di agire come un comando manuale, utile per conservare l’energia o la gestione di un meccanismo di scatto su un dispositivo alimentato a discesa.

Ovviamente questo sistema si prevede che non verrà integrato nei prossimi modelli ma potrebbe arrivare tra qualche anno.

[via]

 

Share.

Comments are closed.

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone