Una notizia che ha dell’incredibile! A Napoli inviavano cocaina in quantità industriali, ma con il marchio Apple sui pacchi, per depistare i Carabinieri.

Napoli Cocaina Apple

Qualche giorno fa a Marano, a nord della città di Napoli, è stato portato a termine un mega blitz antidroga, dove sono stati sequestrati dai Carabinieri circa 35 panetti di cocaina, ma con una singolare particolarità: tutti erano confezionati in scatole che presentavano il logo Apple. Il simbolo della mela morsicata, serviva a dimostrare che il prodotto era di ottima qualità, proprio come ciò che possiamo acquistare ogni giorno in Apple Store.

La Direzione distrettuale antimafia ha comunicato ed effettuato 21 arresti, bloccando un traffico davvero esteso di droga in Italia, che avrebbe fruttato ben due milioni di euro.

Fonte:

Oltre al logo Apple di colore rosso su alcune confezioni era riportato il numero 1254 (quello che si usa per la ricerca di numeri telefonici), in altri la scritta ‘Zebi’ (non chiaro il riferimento). Il tutto era custodito nell’abitazione di uno dei 21 arrestati. Al momento dell’arresto l’uomo ha cercato di disfarsi della droga gettandola dal balcone della casa al primo piano di una palazzina dove abitava lanciandosi anche lui nel tentativo di sfuggire all’arresto e fratturandosi un piede.

Marchiare la droga con logo e nomi di aziende famose non è inusuale. Gli spacciatori i tutto il mondo utilizzano spesso questa tecnica per “brandizzare” i loro prodotti e renderli riconoscibili a chi andrà ad acquistarli. In questo modo, come accennato, pretendono di garantirne la qualità rispetto a quelli della concorrenza. Si sono visti panetti di droga con il marchio di Volkswagen, ad esempio, di Rolls Royce, di Yves Saint Laurent, di Omega il tutto, chiaramente, senza che i proprietari dei brand ne sapessero nulla e semplicemente pagassero in questo modo il prezzo della notorietà.

Qui sotto un pacco di 1 KG di cocaina sequestrato in Colombia ad un narcotrafficante che aveva apposto su di esso il marchio della mela morsicata.

[via]

Share.

Comments are closed.

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone