Digitale o cartacea, la biografia ufficiale di Steve Jobs è acquistabile da ieri nei formati che più preferite. Potete recarvilibreria oppure accendere il vostroiPad o il Kindle per scaricare a prezzo scontato il libroattesissimo, oggi ancor di più in virtù degli accadimenti del recente passato. Dalla scomparsa dell’exCeo di Apple i fan e gli appassionati di tecnologia hanno scandito le ore nell’attesa della pubblicazione del libro.

he ora si appresta a diventare un successo letterario, considerando che in Italia sono state tirate 125mila copie ed è già pronta la ristampa per altre 50mila, almeno stando ai dati dichiarati da Mondadori, e si inizia già a parlare di acquistare i diritti per un film (interessata Sony Entertainment).

La biografia, firmata da Walter Isaacson, è già stata acquistata 5mila volte dall’iBookstore di Apple. Il libro di 656 pagine raccoglie 50 interviste che il fondatore della società di Cupertino ha concesso all’autore che si è già occupato di raccontare le vite di Benjiamin Frankling, Henry Kissinger e Albert Einsten. La cosa interessante è che Jobs non ha mai voluto avere alcuna influenza sulla pubblicazione, nonostante Isaacson ha anticipato al protagonista che molte cose non gli sarebbero piaciute. Lui avrebbe risposto che non si sarebbe prodigato a leggere il libro appena uscito ma “aspetterò almeno un anno e mezzo”. Purtroppo ciò non è accaduto e ora la biografia è ora un libro postumo.

In modo inaspettato, perché il mitico Ceo della Mela morsicata contava di vivere almeno un altro anno, in contrasto contro le previsioni dei medici e rimandando, a quanto si apprende, un’operazione che avrebbe potuto allungarli la vita. Diceva che “a volte credo che Dio esiste, a volte no. Vorrei credere nella vita ultraterrena ma ho il timore che alla fine ci sia un solo tasto on-off; un clic, la luce se ne va e tu non ci sei più”, ha detto Jobs. Che ha concluso il pensiero con una frase che lascia ampio spazio di meditazione: “Per questo non mi è mai piaciutomettere tasti di accensione sui prodotti della Apple”.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone