Ormai il mercato mondiale è sempre più dominato da notebook e computer all in one e computer come i Mac Pro non attirano più come un tempo. Per questo Apple sembra che stia pensando di eliminare questi prodotti dal mercato.

La situazione del Mac Pro in confronto ai rivali notebook può essere compresa maggiormente guardando il grafico sottostante che rappresenta le vendite di notebook e desktop.

A rendere ancora piu’ cupo lo scenario c’è il mancato refresh della serie, con Apple che propone da metà 2011 gli stessi modelli e senza un aggiornamento delle CPU Intel che sarebbe dovuto avvenire proprio in questo periodo, ma che la compagnia di Paul Otellini ha posticipato al primo trimestre del 2012, obbligando, quindi, anche Apple ad attendere i nuovi processori Sandy Bride E Xeon.

I processori, però, sono dietro l’angolo mentre le indiscrezioni che iniziano a serpeggiare in rete, nonchè le recenti rivelazioni di una “fonte anonima ma sicura” adAppleInsider, metterebbero in dubbio la volontà di Apple nell’investire ancora risorse nei sistemi Mac Pro. Le motivazioni sono palesate dal grafico che mostra come nell’arco di un decennio i rapporti fra desktop e notebook si siano totalmente invertiti, con un rapporto nelle vendite del 70%/30% ad inizio 2010 e 30/70% ai nostri giorni. In passato, inoltre, i Mac Pro potevano sfoggiare peculiarità uniche di connessione non implementabili nel mondo mobile ma oggi, grazie a Thunderbolt, la strada tracciata è quella di uno standard unico, come l’USB, ma nettamente più performante ed efficiente.

Ora resta solo una domanda, quale sarà il futuro per i Mac Pro? Beh dobbiamo solo aspettare l’ufficialità da parte di Apple.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone