Apple si è fatta fregare! Prada ha offerto di più per affittare i locali al centro di Milano, per far sorgere un nuovo negozio. Quindi niente nuovo Apple Store a Milano, per ora. Ma vediamo di quanto si è fatta fregare Apple.

In realtà il progetto più apprezzzato è stato proprio quello di Apple, ma per quanto riguarda l’offerta economica non c’è stata partita: Prada ha offerto un rialzo del 150% dei canoni di base, Gucci del 25% e Apple solo dell’1%. I locali si sviluppano su otto livelli (dal piano terra al sesto piano compreso l’ammezzato) oltre al seminterrato, per una superficie complessiva di 4.907 metri quadrati. Il bando prevedeva che il nuovo concessionario si impegnasse a proprie spese a eseguire i lavori di ristrutturazione e adeguamento funzionale per lo svolgimento della nuove attività. I progetti avevano un’incidenza del 60% sulla valutazione finale, mentre l’offerta economica determinava il restante 40% del punteggio. Il canone annuo posto a base di gara era di 2.118.310 euro per i primi cinque anni di concessione e di 3.629.467 euro per la restante durata del contratto. L’offerta economica si riferisce a una percentuale di aumento per entrambi i canoni. Il punteggio finale è stato di 86,13 per Prada, 53,307 per Gucci e 50,897 per Apple.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone