Da quanto riportato da Bloomberg, se Motorola dovesse vincere l’ingiunzione per i brevetti nei confronti di Apple in Germania, la società di Cupertino sarà costretta a pagare una somma di 2,7 miliardi di dollari.

Secondo quanto riferito, Apple ha chiesto al giudice che Motorola prenda in carico il versamento di  2,7 miliardi dollari come collaterale, in garanzie in caso il Giudice si schierasse dalla parte di Motorola. Anche se non è stata rilasciata alcuna informazione su come Apple sia arrivata a tale cifra, il giudice a quanto pare non era d’accordo con la valutazione di Apple:

“Io non sono ancora del tutto sicuro che tale importo rifletta adeguatamente il valore commerciale di questa disputa … La tecnologia non è uno standard e ci sono modi alternativi per fornire gli stessi servizi”.

Per quanto riguarda i brevetti al centro del caso, secondo  FossPatents, tale brevetto è stato originariamente depositato nel 1996 per coprire un metodo di sincronizzazione su più dispositivi attraverso un server, infatti Motorola sostiene che questa funzionalità è molto simile al servizio di Apple iCloud. Apple ha riferito che si è rifiutata di difendersi contro il brevetto in questione, ma se in caso Motorola dovesse vincere la causa, Apple potrebbe essere costretta ad utilizzare un metodo alternativo di sincronizzazione, o di rimuovere addirittura l’accesso ad iCloud in Germania. La prossima udienza è prevista per il 2 dicembre a Mannheim. 

Vi terremo aggiornati su ulteriori sviluppi di questa vicenda.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone