La Commissione dell’Unione Europea ha aperto un’indagine preliminare sulla battaglia legale che vede Apple e Samsung contrapposte in 20 procedimenti sparsi in dieci Paesi. Dopo le avvisaglie delle settimane precedenti, la conferma è arrivata direttamente dal commissario alla concorrenza Joaquin Almunia. L’autorità europea reputa che l’atteggiamento delle due aziende riguardo ai diritti sulle proprietà intellettuali possa ledere la libera concorrenza nel mercato mobile. Per questo motivo ha chiesto a Apple e Samsung di fornire i dettagli sui brevetti usati come standard nel settore della telefonia mobile.

Non è chiaro se l’azienda di Cupertino sia coinvolta solo come parte informata sui fatti, oppure se sia sotto la lente d’ingrandimento insieme alla rivale sudcoreana. Il commissario alla concorrenza Joaquin Almunia ha dichiarato all’agenzia di stampa Reuters di avere chiesto informazioni sia a Apple sia a Samsung, ma di non avere ancora ricevuto risposte. Almunia ha spiegato che l’indagine è dettata dal fatto che, “i diritti sulle proprietà intellettuali possono essere usati come strumento per limitare la concorrenza”.

Il Commissario ha puntualizzato che le due aziende in questione non sono le uniche sospettate di forzare il sistema brevettuale a loro vantaggio, ma al momento sono quelle che stanno creando il maggior scalpore. Non è da escludere che ci saranno altre indagini, e secondo l’esperto di brevetti Florian Mueller la prossima della lista potrebbe essere Motorola. Se ci saranno i presupposti, verrà aperta un’indagine ufficiale e le aziende coinvolte rischieranno multe salatissime

A sostenere i sospetti della Commissione europea ci sono anche alcuni analisti, secondo cui Apple e Samsung potrebbero effettivamente trarre vantaggio sui loro avversari dai divieti legali che stanno cercando di ottenere dai tribunali.

Se l’indagine dell’UE dovesse confermare le ipotesi di partenza, cioè la violazione delle norme comunitarie sulla libera concorrenza, la Commissione potrebbe comminare a una o a entrambe le aziende una multa di importo massimo pari al 10 percento del fatturato globale.

[via]

 

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone