Secondo le ultime indiscrezioni riportate da un giornale locale cinese, pare che Apple sia stata accusata di vendere libri illegali attraverso l’App Store, ed ora sarà costretta a difendersi davanti i tribunali locali dall’accusa formulata da 9 famosi scrittori che hanno chiesto un risarcimento pari a 11,91 milioni di yuan.

Il China’s People Daily in un rapporto ha dichiarato che i nove scrittori in questione, sono infelici che le versioni non autorizzate delle loro opere sono state presentate ad App Store e che la società trae direttamente profitto dalla vendita dei download illegali dei libri. Un membro della alleanza cinese scrittori, che rappresenta gli autori, ritiene che sia ” un furto totale”, dichiarando il fatto che Apple richiede il 30% del fatturato totale delle opere illegali vendute dalle aziende sull’ App Store. Inoltre l’Alleanza dello scrittore ha chiesto ad Apple di prendere in considerazione le leggi cinesi sulla protezioni del copyright dei libri venduti in App Store, ma il declino di tale offerta da parte di Apple è stato immediato. Appunto come vi abbiamo riportato sopra i nove autori intendono citare Apple in giudizio per la condivisione delle 37 opere. Dopo il rifiuto dell’offerta posta ad Apple, l’Alleanza ha deciso di utilizzare le vie legali per richiedere un risarcimento che ammonterebbe ad una cifra intorno a 1.48 milioni di euro.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone