Durante l’evento di ieri, Apple ha presentato un nuovo servizio per tutti gli studenti grazie al quale potranno acquistare i propri libri scolastici e utilizzarli tramite la nuova versione di iBooks. Ma la domanda che ora ci poniamo è molto semplice. Perché le case editoriali hanno deciso di vendere i propri libri a soli 15$ mentre nella versione cartacea li vendevano a più di 75$?

I ragazzi di AllThingsD hanno contattato il CEO Terry McGraw per porgergli la domanda che ci siamo chiesti e ha risposto con semplici parole. Solitamente gli studenti utilizzano uno stesso libro per minimo 5 anni vendendolo o prestandolo a qualche amico. Questo giro di libri usati fa guadagnare alle case editrici solamente 15$ all’anno. Grazie all’iBooks Store invece, gli utenti non possono vendere o prestare il proprio libro digitale a qualche amico e sono costretti ad acquistare ogni anno libri nuovi dall’iBooks Store. Grazie a questo i produttori riescono a guadagnare molto di più rispetto alla versione cartacea ma è ancora presto per parlare, infatti i produttori dovranno attendere e vedere come procederà questo nuovo mercato.

 

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone