Nel mese di dicembre, è stato scoperto un fastidioso Bug di iMessage che permette di ricevere ugualmente i messaggi anche se l’iPhone è stato rubato. I messaggi, a quanto pare, continuano ad essere inviati e ricevuti dal telefono cellulare rubato dopo una cancellazione remota dei dati e la disattivazione della carta SIM . Questo problema di Privacy ha causato qualche problema anche ad una ragazza. Ecco la sua storia.


The Next Web oggi ha pubblicato il caso di un cliente anonimo a cui era stato rubato un iPhone ma, impostando iMessage su un altro dispositivo, continuava a ricevere i messaggi dell’altro iPhone.

In seguito al furto dell’iPhone la cliente K ha provveduto immediatamente a far disattivare la SIM presente nel terminale, nonostante tuttavia secondo le testimonianze dei suoi amici, i messaggi inviati tramite iMessage continuassero ad arrivare all’iPhone rubato a causa del mancato utilizzo della funzione “Cancellazione remota” di Find My iPhone. Rispondendo alle lamentele della ragazza, i tecnici dell’azienda californiana hanno proposto tutta una serie di operazioni che avrebbe dovuto eseguire per rimediare al problema, come ad esempio modificare la password del proprio Apple ID, inserire la SIM in un altro dispositivo iOS o addirittura, pensate un po’, contattare i suoi amici per chiedergli smettere di inviare messaggi usando iMessage; tutte richieste ritenute inadeguate dalla ragazza.

Dopo 6 settimane dal furto e da infinite discussioni, Apple ha finalmente trovato un modo, forse inusuale, per porre rimedio alla questione: il team di ingegneri dell’azienda sono stati in grado di inviare del codice all’iPhone rubato così da far cessare il problema in modo, per così dire, immediato. Tuttavia, la cliente interessata, non completamente soddisfatta, ha continuato a premere affinché l’azienda compensasse per i disagi causati, rivolgendosi addirittura ai legali di Apple, dichiarandosi estremamente insoddisfatta del tempo impiegato per arrivare ad una risoluzione, con la pretesa di essere rimborsata per una estesa violazione della sua privacy. Successivamente, dopo una discussione avvenuta per via telefonica con i legali, a K è stato offerto un iPod touch come rimborso; la compagnia le avrebbe infatti restituito un dispositivo che le avrebbe permesso di ricevere messaggi tramite iMessage.

E la prima volta che Apple rimborsa un utente in questo modo. Ciò significa che il bug di iMessage è una cosa reale e molto grave. Speriamo che Apple riesca ad individuare la causa di questo errore e correggerlo al più presto.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone