In una edizione speciale del programma ABC Nightline la notte scorsa, il corrispondente Bill Weir che è volato fino alla produzione principale di Apple, Foxconn , per ottenere uno sguardo all’interno dello stabilimento e sulle condizioni di lavoro dei dipendenti. Durante il programma, Weir ha mostrato i lavoratori che lavorano alla catena di montaggio, i dormitori in cui vivono, e altro ancora.

Apple, Foxconn, e la FLA hanno oggi rilasciato dichiarazioni alla ABC per quanto riguarda alcune delle cose dette durante il programma di ieri sera. Apple ha risposto ad una richiesta di un lavoratore fatta, dopo aver detto che scolpisce i trucioli di alluminio di 6.000 loghi iPad al giorno …

“In gergo questo si chiama produzione di sbavatura. La sua linea elabora 3.000 unità per turno, con due turni al giorno per un totale di 6.000. Un singolo operatore dovrebbe produrre quindi circa  3.000 loghi per iPad a turno. “

Apple ha detto a ABC non c’era modo che il lavoratore avrebbe scolpito un totale di 6.000 loghi, perché intagliare 6000 loghi può essere fatto solo se il lavoratore effettua due turni di 12 ore,che non è possibile. Ci sono due turni di 12 ore in un giorno a Foxconn – ore 8 – 8pm e 8 pm – 8 am, e ogni lavoratore ne svolge uno. Il lavoratore probabilmente ha fatto circa 3.000 in un solo turno, ed era molto probabilmente un po ‘confuso circa la domanda posta. Inoltre Foxconn ha risposto alla ABC con una correzione sulla loro affermazione secondo cui i lavoratori hanno una paga troppo bassa e subiscono un prelievo fiscale sui loro salari cinesi. Foxconn ha detto ABC, “La tua affermazione è vera solo quando si applica ai lavoratori entry-level, mentre oltre il 75 per cento sono già oltre il periodo di prova e guadagnano più di 2200 RMB stipendio base”. Apple ha permesso all’Associazione Federale del Lavoro di fare un sopralluogo all’interno della Foxconn. Il FLA è stato profilato durante il programma della ABC, dove ha detto che Apple e il FLA erano in conversazione per cinque anni. La FLA ha corretto l’affermazione della ABC:

“Le discussioni sono iniziate nell’aprile 2007, ma erano in fase di stallo nel marzo 2008. Abbiamo poi ripreso nell’aprile 2009 dove si è deciso di fare una piccola indagine, in modo che Apple potrebbe avere un’idea di come i nostri strumenti potrebbero aggiungere un valore al loro programma. Tale indagine ha portato ad una seconda attività che credo abbia contribuito alla decisione di aderire alla FLA alla fine del 2011. Io, naturalmente, non posso parlare per Apple ma credo che la decisione di aderire è stato probabilmente preso alcuni mesi prima (e quindi ben prima) degli articoli del New York Times “.

 

Di seguito è possibile visualizzare il documentario iFactory della ABC:

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone