Il cellulare è diventato ormai una vera e propria necessità per l’uomo, soprattutto se si tratta di uno smartphone di ultima generazione. Non averlo, a volte, può essere frustrante, e può impedire di far effettuare alle persone la normale routine giornaliera correttamente. Se conoscete quella sensazione di panico quando lasciate il cellulare a casa, potreste essere affetti da nomofobia. Tranquilli, non è una malattia, ma solo uno status che coinvolge più della metà degli utenti.

Una recente indagine condotta da UK-mobile su 1.000 persone attraverso SecurEnvoy, fornitore di servizi di sicurezza, ha evidenziato che i due terzi (66%) degli intervistati hanno paura di perdere o di essere senza il loro cellulare. Una paura chiamata nomopfobia. La fobia comprende anche l’ansia che si prova quando non c’è una ricezione ottimale del segnale

La nomofobia,  in crescita del 13% a partire da quattro anni, è in aumento a causa dei consumatori che diventano sempre più legati ai loro smartphone.

Tuttavia, le donne (70%) sono più preoccupate di perdere i loro telefoni rispetto agli uomini (61%). Secondo Andy Kemshall, Chief Technology Officer e co-fondatore di SecurEnvoy, gli uomini avevano una maggiore probabilità di avere nomofobia nel 2008, ma si sentono meno sopraffatti ora.

I giovani hanno maggiori probabilità di essere nomofobi: il 77% ha dichiarato di temere di essere senza cellulare. Nel frattempo, la fascia d’età dai 25 a 34 anni rappresenta  il secondo gruppo più nomopfobo, seguita da utenti mobili over 55.

SecurEnvoy ha anche citato un recente studio pubblicato dall’Helsinki Institute for Information Technology che ha scoperto che le persone controllano i loro telefoni circa 34 volte al giorno in media. Insomma, se smarrite il telefono, non ci vorrà molto tempo per realizzare quanto successo.

E voi siete “affetti da nomofobia”?

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone