Il congresso degli Stati Uniti ribatte alla risposta di Apple riguardo la privacy di iOS dicendo che non è stata esauriente.

 

Ecco il testo della lettera rivolta a Tim Cook:

We have received and reviewed the reply of Apple Inc., to our February 15, 2012, letter requesting information about your company’s app developer policies and practices to protect the privacy and security of your mobile device users’ information. We thank you for responding to our letter.

The March 2 reply we received from Apple does not answer a number of the questions we raised about the company’s efforts to protect the privacy and security of its mobile device users. In addition, subsequent to our letter, concerns have been raised about the manner in which apps can access photographs on your mobile devices and tools provided by Apple to consumers to prevent unwanted online tracking.[1] To help us understand these issues, we request that you make available representatives to brief our staff on the Energy and Commerce Committee.

If you have any questions regarding this request, please contact Felipe Mendoza with the Energy and Commerce Committee staff at 202-226-3400.

Apple fu già interpellata per conoscere la modalità della protezione dei dati utenti in tutte quelle funzionalità, quali localizzazione, photo sharing, ecc, che non avessero nessuna interazione col cliente per la gestione dei permessi.  Adesso sembra che il problema siano alcune app che riescono a bypassare questi permessi. L’azienda di Cupertino potrebbe essere chiamata a esporre le loro modalità di protezione davanti al congresso, ma potrebbe anche rispondere che tutto si risolverà con un update Software come ha già fatto in precedenza.
Voi quanto vi sentite sicuri col vostro iDevice?

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone