A quanto pare Apple non ha intenzione di chiedere alcuna royalty per quanto riguarda le nuove nano SIM, almeno per calmare un po’ gli animi dei produttori

Apple sembra interessata al nuovo standard 44F, ossia la nano SIM, ancora più piccola della micro SIM già adottata in iPhone 4/4S. Per calmare gli animi dei produttori che erano in agitazione per tale notizia, Apple ha inviato una lettera all’ETSI (European Telecommunications Standards Institute), comunicando nessuna volontà nel voler chiedere le royalties per la licenza dell’adozione dello standard suddetto. Questa decisione, sebbene non confermata, potrebbe tranquillizzare la concorrenza che era preoccupata per un’altra eventuale disputa riguardo il brevetto. Florian Mueller di FOSS Patents riporta: “Apple ha affermato che concederà la licenza royalty-free di qualsiasi brevetto relativo alle nano SIM, qualora venga adottato come standard e se altri produttori accetteranno gli stessi termini, in accordo con il principio di reciprocità“.

La prima azienda ad opporsi alle nano SIM è stata Nokia, avanzando critiche sulla produzione e affermando che alcuni produttori avranno difficoltà nell’inserirle nei propri prodotti; accusa, inoltre, Apple di non essere all’altezza dei requisiti dell’ETSI per l’introduzione di un nuovo standard.

La volontà di essere royalty-free potrebbe essere un vantaggio per Apple, la quale può implementare le nuove SIM in dispositivi ancora più sottili e di non ottenere profitti dalle licenze. Sapremo del responso di ETSI entro questa settimana.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone