I creatori del Malware FlashBlack, sono riusciti a guadagnare un bel gruzzoletto grazie al loro malware e agli introiti pubblicitari. Tutto grazie al dirottamento dei clic degli utenti.

I ragazzi di Symantec, hanno ipotizzato che i creatori di FlashBlack hanno guadagnato grandi sonne di denaro. Dopo aver analizzato la botnet creata coi Mac, gli autori del Trojan potrebbero essersi intascati qualcosa come 14.000$ totali di introiti pubblicitari, se non di più.

Dalla nostra analisi abbiamo visto che, nel periodo di tre settimane che inizia ad aprile, la botnet ha visualizato oltre 10 milioni di pubblicità sui computer compromessi ma solo una piccola percentuale di utenti cui gli spot erano mostrati vi ha poi effettivamente fatto clic sopra, per un totale di 400.000 impressioni+clic. Questi numeri hanno permesso guadagni nell’ordine di 14.000$ in tre settimane, sebbene occorra considerare che il guadagno è solo una porzione del mosaico: ora occorre anche raccogliere tale denaro, e questa è la parte più difficile. Molti provider PPC mettono in campo misure anti-frode e processi di verifica degli affiliati prima di procedere ai versamenti. Fortunatamente, gli hacker non sembrano essere stati in grado di completare i passaggi necessari per la riscossione.
Si stima che la componente sugli spot originata da Flashback sia stata installata solo su 10.000 delle 600.000 e passa macchine infettate. In altre parole, utilizzando appena il 2% dell’intera botnet, gli aggressori sono stati capaci di generare 14.000$ in tre settimane; avessero potuto avvalersene per intero, ora parleremmo di cifre milionarie.

 

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone