In un recente articoli, i ragazzi di Gizmodo, hanno racchiuso le 10 cose di Apple che sicuramente il nostro caro Steve Jobs non avrebbe voluto. In questo articolo riportiamo tutto quello scritto da loro.

1. Siri

Steve Jobs avrebbe avuto poco tempo per provarlo e non avrebbe mai accettato di rilasciarlo in questo modo.

2. iPhone con schermo da 4 pollici in 16:9

Malgrado sia solo un rumor, Gizmodo ricorda che per Steve Jobs il formato dall’attuale iPhone è quello perfetto e non avrebbe mai accettato un aspect ratio da 16:9

3. Dirigenti sempre presenti

Secondo i tecnici Apple, le cose in azienda stanno cambiando perchè con Tim Cook c’è una crescente presenza di project manager e dirigenti nella supply chain. Sono presenti in ogni incontro importante, cosa che con Jobs non è mai avvenuta perchè non avrebbe mai acconsentito a questi dirigenti di interferire con gli ingegneri e i progettisti Apple.

Jobs voleva una guerra termo nucleare contro Google e tutte le aziende che copiavano l’iPhone. Tim Cook ha cercato invece la strada dell’accordo, anche se non vi è riuscito fino in fondo.

5. L’interfaccia della nuova Apple TV

Secondo un ex dipendente, Jobs aveva bocciato anni fa l’interfaccia della Apple TV che ora è stata riproposta da Apple.

 6. I compromessi

Il nuovo iPad è più spesso e pesante del vecchio modello, un passo indietro per un prodotto di punta Apple. Un compromesso che Steve Jobs non avrebbe mai accettato.

 7. La beneficenza

Steve Jobs non è stato mai un filantropo, Tim Cook ha fatto già capire che le cose, invece, cambieranno dato che Apple ha già attivato diverse opere di beneficenza.

8. I dividenti agli investitori

Jobs ha sempre odiato dare un solo centesimo di Apple agli azionisti perchè tutto doveva essere investito per migliorare l’azienda. Tim Cook, invece, ha dato il via libera ai dividenti per tutti gli investitori.

9. I segreti

Nessuno ha mai parlato di un prodotto Apple non ancora esistente, mentre tutti sappiamo che presto verrà presentata una TV della Apple. Steve Jobs, dice Gizmodo, non lo avrebbe permesso.

10. I dettagli dell’interfaccia utente

Apple sembra aver perso la cura dei dettagli nelle interfacce utente, cosa che a Steve Jobs stava molto a cuore.
Questi sono i 10 motivi, secondo Gizmodo, per i quali Steve Jobs si starebbe rivoltando nella tomba. Ora, senza voler offendere nessuno, e rifacendoci ad un articolo apparso su iPhoneItalia diverse settimane fa, ci chiediamo: come si fa a pensare che Steve Jobs non abbia partecipato alle decisioni più importanti sui prodotti Apple usciti di recente, visto che fino ad agosto si è recato puntualmente, e con grande senso del dovere, a lavoro?
Siri, il nuovo iPad, l’eventuale iPhone 5 da 4 pollici sono tutti prodotti in cantiere da anni (qualcuno crede che un dispositivo si faccia in 3 mesi?), provati da Steve Jobs e probabilmente voluti fortemente da lui. Anche la questione dei segreti lascia il tempo che trova, dato che già nel 2009 si parlava di un tablet Apple, mesi prima dalla presentazione del primo iPad. E quel primo iPad venne presentato da Steve Jobs.
Le altre questioni sono di marginale importanza (l’interfaccia di Lion? Steve Jobs ci ha lavorato moltissimo. L’interfaccia della nuova Apple TV? Lo stesso dipendente disse che probabilmente il cambio di decisione fu giustificato dal fatto che la nuova interfaccia era pi iOS style, come iPhone e iPad e come lo stesso Lion), ma la questione reale è un’altra: molti speculano sulla morte di Steve Jobs per scrivere articoli che hanno davvero un briciolo di credibilità. Riflessioni di questo tipo avranno un senso tra quattro, cinque anni, quando l’influenza di Jobs si potrà dire davvero esauritasi, almeno per quanto riguarda i prodotti (non lo spirito) di Apple. Allora sì che potremmo dire che l’iPad 7 non sarebbe piaciuto al co-fondatore di Apple, ma farlo ora, quando è palese che anche lui lo ha voluto così, è ridicolo.
[via]
Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone