Il gigante di Cupertino ha rilevato la piccola azienda di Correggio specializzata nell’elaborazione di software per registrare, mixare e riprodurre musica in digitale.

Le aziende italiane attraggono sempre più i big dell’hi-tech Usa: dopo l’acquisizione di Glancee da parte di Facebook, anche  Apple fa shopping nel bel paese, acquisendo un ramo di azienda della società Redmatica relativo alle attività di ricerca, sviluppo, assistenza, vendita, offerta, concessione in licenza, commercializzazione e distribuzione di software per la produzione ed elaborazione di musica digitale.Redmatica è una società attiva nella  creazione,commercializzazione e vendita di software musicali specializzati per la creazione e per l’editing di strumenti musicali virtuali.La notizia è stata confermata dall’Antitrust, che nel suo bollettino settimanale informa che nel 2011, il fatturato realizzato a livello mondiale dal ramo d’azienda Redmatica è stato inferiore a 1 milione di euro, ed è stato realizzato esclusivamente nell’Unione Europea. Nessun fatturato è stato realizzato in Italia. Apple, dal canto suo, nel 2010/11, ha realizzato un fatturato consolidato a livello mondiale di circa 77,6 miliardi di euro, di cui circa 19,9 miliardi di euro realizzati nell’Unione Europea e oltre 1 miliardo di euro realizzati in Italia.L’Autorità riporta i dettagli dell’operazione:

In base a quanto previsto dal contratto “Asset Purchase Agreement relating to the business as an ongoing concern of Redmatica” con la presente operazione, Apple intende acquisire, tramite un trasferimento di asset, il ramo d’azienda Redmatica. Ai sensi di quanto previsto dal Contratto alcuni asset non essenziali (definiti come “Excluded Assets”) di Redmatica S.r.l. saranno esclusi dal perimetro dell’acquisizione. A titolo esemplificativo, rientrano tra gli Excluded Assets alcuni crediti e debiti, le auto aziendali del venditore, la liquidità e le “Proprietà Personali” di quest’ultimo, nonché alcuni contratti sottoscritti dal venditore, come meglio specificato all’interno del Contratto.Ai sensi del Contratto, il venditore ed il suo socio unico (nonché alcuni parenti stretti del socio unico di Redmatica S.r.l.) hanno stipulato una clausola di non concorrenza e non sollecitazione a favore dell’acquirente della durata di cinque anni dalla conclusione dell’operazione.

L’operazione conclude l’Antitrust :

non appare idonea a modificare le condizioni di concorrenza esistenti né avrà effetti pregiudizievoli per la concorrenza, non determinando modifiche sostanziali nella struttura concorrenziale dello stesso.

La startup emiliana fattura meno di 100.000 euro all’anno ma ne produce 26.000 di reddito, tutto grazie ad alcune applicazioni che hanno trovato un ottimo riscontro tra i fan della Mela. Ora Apple ha deciso di assorbire alcune delle applicazioni e software gestionali sviluppati dall’azienda di Andrea Gozzi, un importantissimo riconoscimento verso il made in Italy da parte di una delle aziende principali del mercato tecnologico mondiale. Insomma non c’è che dire il made in italy attrae sempre e ancora più importante se ad essere a tratta e la madre  Hi-tech più importante del Mondo ossia la nostra amata Apple  siamo certi che l’azienda di Cupertino  ha fatto un ottimo investimento sia per il presente che per il futuro e siamo certi che  vedremo gli effetti di tale acquisizione molto presto in ogni caso restate sempre con noi e se ci dovessero esserci degli aggiornamenti riguardo questa sensazionale notizia saremo lieti di aggiornarvi in tempo reale su tutte le novità.

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone