Apple nei giorni scorsi ha inviato una lettera all’ITC (International Trade Commission) in cui chiede un provvedimento contro HTC per le inesattezze doganali.

Secondo Apple HTC ha più volte ingannato la dogana degli Stati Unito e introdotto i dispositivi con qualche “inesattezza”. Inoltre secondo Apple c’è una violazione da parte dell’azienda Taiwanese dei brevetti FOSS. L’ITC ha concesso ad Apple l’ingiunzione contro HTC già lo scorso dicembre, dopo che l’azienda Taiwanese fu ritenuta colpevole della violazione di un brevetto per la rilevazione dei dati e la creazione di link e di URL.

Ad HTC è stato tuttavia concesso del tempo (fino ad Aprile 2012) per rimuovere le funzioni incriminate nei dispositivi inportati negli Stati Uniti. Alcuni dispositivi erano rimasti in dogana per alcuni controlli, ma furono liberati pochi giorni dopo. Alcuni dispositivi HTC continuano a violare i suddetti brevetti, e perciò Apple ha inviato una lettera di avvertimento all’ITC. La posizione di HTC è indebolita dal fatto che essa ha scelto di non ottenere un “parere consultivo” dall’ITC sui prodotti di importazione. Anche se HTC non è tenuta a richiedere questo parere, non chiederlo potrebbe essere interpretato come violazione flagrante.

Muller ha definito “esuberante” la decisione di importare tali dispositivi nonostante tutte queste violazioni, e “ridicola” la lettera di difesa che HTC ha spedito, in quanto è considerata dallo stesso Muller come “un insulto all’intelligenza umana”.

Apple ha mandato in crisi la società Taiwanese con queste battaglie legali, e HTC ha infatti dichiarato che i suoi profitti lordi sono diminuiti del 70%.

[via]

 

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone