Quante volte vi è capitato di leggere nei vari blog Apple che la casa della Mela Morsicata era nel corso di una (o più) battaglie legali con questa o quella compagnia? Uno studio condotto da Kanzatec IP Group ha confermato che proprio Apple è presente nelle battaglie legali più importanti nel 60% dei casi.

Ricorderete che nello splendido Keynote del 2007, Steve Jobs durante la presentazione del dispositivo che ha rivoluzionato il mondo dei cellulari e anche le nostre vite disse che Apple lo aveva brevettato. La gente era meravigliata da quel dispositivo, il mitico iPhone 2G, i concorrenti stavano correndo ai ripari e…e forse nessuno ha dato il giusto peso a quelle parole, ma oggi i conti stanno tornando. Apple è presente per il 60% dei casi in dispute legali legate alle proprietà intellettuali nel settore mobile. Apple continua a crescere, e il denaro a sua disposizione anche. Denaro che certamente Apple non butta via, anzi, lo usa per stringere accordi con varie aziende per avere a disposizione un grandissimo numero di brevetti. Proprio questa grande disponibilità di brevetti ha permesso ad Apple di avviare numerose battaglie legali. D’altronde Steve Jobs era stato chiaro, aveva detto che avrebbe passato anche i suoi ultimi giorni di vita e speso tutti i 40 milioni di cui Apple disponeva pur di distruggere Andoird, che secondo lui era un prodotto rubato. Era addirittura pronto ad una guerra termonucleare. Per ora Tim Cook non è ancora arrivato a tanto, ma Apple sta tuttavia portando avanti queste dispute anche dopo la morte dell’ex CEO. Va sottolineato anche il fatto, che ad Apple non interessa assolutamente dare il via a questi scontri legali per denaro, ma solamente per richiedere il blocco delle vendite dei dispositivi che ritiene non idonei al mercato.

Io sono più che d’accordo con la filosofia Apple, e noi di AppleZein saremo sicuramente pronti a raccontarvi tutto anche della guerra termonucleare, anche se speriamo che Cook non arrivi a tanto, sappiamo che in qualche modo iTunes può essere usato per creare armi (o almeno nelle condizioni d’uso c’è scritto di non utilizzarlo per dare il via ai processi di costruzioni di armi di distruzione di massa).

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone