Secondo un report diffuso in rete nella giornata di ieri, Apple starebbe assumendo diversi ingegneri, che precedentemente hanno lavorato a Google Maps, per migliorare l’app Mappe, molto criticata sin dal suo rilascio con iOS 6

Image and video hosting by TinyPic

Una fonte con contatti interni sia a Apple che a Google, ha riferito al portale TechCrunch che l’azienda di Cupertino sta cercando di portare innovazione e miglioramenti alla propria app Mappe, assumendo numerosi ingengeri che hanno lavorato per Google al servizio Maps.

Ecco quanto riferisce la fonte:

“Molti dei miei ex colleghi che lavoravano con me a Google Maps, hanno abbandonato il lavoro o per la naturale scadenza di contratto o perchè assunti da Apple per lavorare e migliorare l’app Mappe. Anche chi ha visto scadere il proprio contratto di lavoro con Google, comunque è stato contattato da Apple, e Cupertino paga queste persone davvero molto bene sopra gli 85.000 dollari. Noi sappiamo bene quanti e quali dati siano importanti per sviluppare una buona applicazione di mappe, e anche Apple lo sa. Apple deve recuperare molto se vuole costruire una piattaforma di mapping per contrastare Google Maps, ha bisogno di recuperare una mole incredibile di dati, le serve trovare un modo per ottenere i propri 5 milioni di miglia di dati di street view, arrivare ad una partnership con la gente giusta e spendere una fortuna per la licenza di dati, qualcosa che può sicuramente fare”

La fonte, tale Darrell Etherington, conferma quindi che Apple sta lavorando duramente per riuscire a pareggiare i livelli offerti da Google Maps è che ha buone possibilità di riuscire ad ottenere i risultati desiderati.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone