L’iPhone è sempre stato un oggetto di desiderio di moltissimi utenti. Oggi arriva la notizia che i finanzieri del Gruppo pronto impiego e quelli del Gruppo Bari sono riusciti a sequestrare moltissimi iPhone 5 fasulli venduti ad un prezzo di 200€.

Ecco quanto riportato da La Gazzetta del Mezzogiorno:

Il primo blitz è scattato giovedì scorso partendo da Gravina dove i militari hanno requisito al titolare di un emporio cinesi 5 telefoni cellulari, perfette imitazioni dei ricercatissimi i-phone 4 e 4s, questi però con sistema operativo Android (gli autentici telefonini della Apple utilizzano invece il sistema operativo detto iOs). I documenti trovati a Gravina hanno portato gli investigatori prima a Bari, in un emporio cinese del centro dove hanno trovato e requisito altri quattro cloni i-Phone e poi a Corato in un negozio di elettrodomestici dove i telefonini con la mela falsificata erano addirittura 46. Esaminando i registri dei due negozi le Fiamme gialle hanno individuato due magazzini, il primo a Modugno, il secondo a Napoli che presumibilmente avevano rifornito, gli altri. Quì hanno trovato centinaia e centinaia di batterie, cover e auricolari per cellulari con marchi flasificati ma non gli i-Phone che probabilmente i gestori avevano già provveduto a far sparire. In compenso hanno requisito 13 mila dispositivi medico-sanitari, tra cui termometri digitali, fasce elastiche, cerotti (peraltro scaduti), occhiali da vista, articoli per neonati e cosmetici; 57mila giocattoli, quasi 12mila piastrine insetticida, tutti privi di marcatura «Ce». Denunciati i gestori delle attività commerciali.

Nel porto, invece, i finanzieri del Gruppo Bari, hanno requisito un autoarticolato con targa polacca che trasportava 8 tonnellate di rifiuti ferrosi speciali e pericolosi, con destinazione imprecisata. Denunciato il conducente, un polacco di 26 anni. Sull’autoarticolato vi erano 3 furgoni non marcianti con all’interno stipati pezzi di ricambio per auto usati, materiale ferroso e oleoso apparecchiature elettriche e scarti di abbigliamento, provenienti dalla Grecia e destinati ad una non meglio precisata località del Belgio. Il trasportatore non aveva uno straccio di autorizzazione per il trasferimento di quel genere di rifiuti classificati come speciali e pericolosi.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone