Avrete sicuramente sentito di come Apple stia lavorando alla realizzazione di un servizio radio “sulla nuvola” da lanciare il prossimo anno, in diretta competizione con Pandora e Spotify.


Apple sta lavorando a porte chiuse da un bel po’ di tempo per rendere tale servizio una realtà, nonostante i colloqui con le grandi case discografiche abbiano rallentato i piani di Apple. Fino a qualche giorno fa sembrava che fosse in procinto di concludere le trattative entro il mese prossimo, ma alcune voci confermano la poca convinzione da parte dei dirigenti musicali nell’acquistare quello che Apple offrirà.

Ecco quanto Bloomberg ha riportato sul vociferato servizio “iRadio” di Apple:

Bloomberg ha riportato che le negoziazioni di Apple con le tre maggiori etichette discografiche si sono intensificate su un servizio “web radio” che Apple lancerà all’inizio del prossimo anno. Ma i dirigenti delle case musicali, che hanno parlato con CNET, vogliono che Apple addolcisca la propria offerta.

Le negoziazioni sono in corso, ma le fonti dichiarano che Apple ha offerto di pagare una royalty inferiore rispetto a quanto Pandora paga, anche se si vuole fornire agli utenti di iTunes la possibilità di fare di più con la musica di quanto Pandora faccia.

Pandora rappresenta il più grande servizio di “internet radio”, ed Apple vuole realizzare un servizio più interessante in modo da “attirare” molti utenti dalla propria parte. La maggior parte di coloro che opera nel settore musicale ha paura di Apple, perché essa possiede, con iTunes, oltre la metà del mercato della musica, ma molti anche credono che Pandora abbia bisogno di un forte concorrente.

Apple guadagnerebbe dalle attività di advertising, con annunci pubblicitari sugli stessi brani.

Le trattative tra Apple e le etichette discografiche si concentreranno dunque non solo sulla concessione delle licenze, ma anche sulla pubblicità.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone