Manca poco alla commercializzazione di Apple Watch ma intanto continuano ad arrivare storie e indiscrezioni su quello che è stato lo sviluppo del primo smartwatch dell’azienda di Cupertino.

applewatch2-copy

Alan Dye, responsabile dell’interfaccia grafica di Apple Watch e Kevin Lynch che invece ricopre il ruolo di VP Technology, sono stati intervistati da Wired e hanno rilasciato alcuni interessanti dettagli sullo sviluppo di questo atteso prodotto dell’azienda di Cupertino.

I due hanno dichiarato che l’idea di uno smartwatch è nata, come in molti sospettavano, con l’iPod Nano di 6th Generazione, e che l’idea di iniziare a lavorarci seriamente è saltata fuori quando si è iniziata a programmare la rivoluzione portata avanti da iOS 7. Le prime interfacce utente create non erano molto comode; per esempio all’inizio si era sviluppata una UI del tutto simile a quella del Pebble, lunghi elenchi di opzioni da scorrere che però richiedevano troppo tempo per essere controllati:

“Bisognava tenere il braccio alzato per tantissimo tempo e l’esperienza era come potete immaginare tutt’altro che comoda. Non eravamo soddisfatti e abbiamo cambiato completamente approccio”

Dettagli sono stati forniti anche sullo sviluppo del Taptic Engine, il modulo di vibrazione che resituirà un feeling “fisico” al polso degli utenti che avranno un Apple Watch:

“Volevamo creare un’esperienza unica. Cosa si prova, a livello fisico, quando si riceve o invia un tweet? Cosa quando ci contatta nostra moglie? Quando arriva una mail? Il team ha lavorato duramente è ha trasformato i suoni di ogni singola interazioni in sensazioni tattili. Un’esperienza incredibile, vedrete.”

Wired, in allegato all’intervista ha anche fornito nuove immagini relative all’Apple Watch che vi riportiamo qui di seguito:

applewatch_process_book_hi-kwc01-19-1024x691

applewatch_process_book_hi-kwc01-38-1024x691

applewatch_process_book_hi-kwc01-37-1024x691



[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone