Molti dipendenti degli Apple Store si sono lamentati dei controlli a cui sono sottoposti ogni giorno per verificare il furto di dispositivi. Tim Cook ha inoltrato le denunce ai superiori, chiedendo “È vero?”.

Tim Cook risponde alle lamentele dei dipendenti Apple Store

 

Il responso riguardante la class action del 2013 ha sostenuto che i dipendenti Apple Store dovrebbero essere pagati per i 10-15 minuti trascorsi dopo ogni turno in coda per i controlli di sicurezza prima di essere autorizzati a lasciare il negozio. Dal momento che i controlli sono obbligatori, il personale ha detto, il tempo dovrebbe essere pagato. Ma la sentenza dice che i lavoratori non verranno pagati per quei minuti persi ogni giorno per i controlli obbligatori, un caso simile è già capitato ai dipendenti Amazon che hanno avuto lo stesso responso.

Altri dipendenti hanno lamentato il fatto che i controlli non solo fanno perdere tempo prezioso ma spesso sono umilianti visto che vengono effettuati davanti ai clienti.

“Queste procedure sono spesso eseguiti di fronte ai clienti”, l’impiegato ha scritto, aggiungendo che i lavoratori meritano di essere trattati con lo stesso rispetto che Apple mostra ai clienti.

Un’altra e-mail, inviata da un lavoratore di vendita al dettaglio a Pechino per Cook e altri manager nel 2013, ha detto che Apple tratta i suoi dipendenti “come animali” e ladri.

La risposta di Cook al di là della richiesta non è rivelata, anche se VP di Apple delle risorse umane Denise Young Smith ha dichiarato che “ci deve essere più intelligenza e rispetto”.

[via]

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone