Si chiude oggi la causa per i prezzi degli ebook di Apple, e la società sarà costretta a risarcire i danni provocati.

Apple perde la causa sugli ebooks e pagherà 450 milioni di dollari

Una corte d’appello federale oggi ha confermato la sentenza del 2013 in causa prolisso e di alto profilo ebook di Apple. Il caso, che Apple ha incentrato sul contenuto con i prezzi fissati nel negozio iBook, ha attraversato tre anni di contenzioso grazie soprattutto ad Apple. L’odierna sentenza di un tribunale federale di ricorso vedrà pagare Apple, 450 milioni di dollari in danni.

La maggior parte di questi 450 milioni di dollari andranno ai clienti di e-book, come parte dell’accordo che hanno fatto l’anno scorso. Per quanto riguarda la sentenza, il giudice Debra Ann Livingston ha avuto a dire quanto segue (via WSJ):

Concludiamo che il tribunale distrettuale, ha correttamente deciso che Apple ha orchestrato una cospirazione tra gli editori per aumentare i prezzi degli e-book. La cospirazione ha irragionevolmente frenato il commercio, in violazione dello Sherman Act, la legge antitrust federale.

L’anno scorso, Apple ha iniziato l’invio di crediti iTunes Store ai clienti colpiti dal caso dei prezzi degli ebook, anche se il suo appello era ancora pendente al momento. Quando Apple ha avviato il processo d’appello, ha spiegato che la sentenza è stata una “radicale” dalla legge antitrust moderno e che era ignaro di qualsiasi inter-editore.

[via]

Share.

Comments are closed.

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone