Sicuramente molti di voi penseranno che Steve Jobs era il miglior CEO del Mondo grazie alla sua personalità e al suo genio. In questo articolo vi riassumeremo i “trucchi” che Steve ha utilizzato per raggiungere tali livelli di ammirazione.

Chi di voi ha letto la biografia di Steve Jobs, ora è obbligato a leggere un nuovo libro molto interessante scritto da Ken Segall, il mago del marketing nonché autore di un nuovo libro intitolato “Insanely Simple: The Obsession That Drives Apple’s Success”.

Ken Segall è stato a stretto contatto con Jobs ed ha inventato il nome dell’iMac. Questi, inoltre, ha fatto parte del team TBWAChiatDay accreditato con Apple per la famosa campagna pubblicitaria “Think Different”. Nel suo libro, Ken, scrive del carattere e delle particolarità che hanno portato Steve Jobs al successo.

Forbes ha letto il libro e ha evidenziato queste otto lezioni di leadership che Segall ha imparato da Jobs.

Simpler is always better (La cosa più semplice è sempre la migliore): La raccomandazione di Jobs: “One product, one box” (Un prodotto, una scatola).

Blunt communication works (La comunicazione diretta funziona): La franchezza non lascia spazio alla confusione, ai diversivi o alla complessità.

Good leaders can compartmentalize (I buoni leaders possono compartimentare: Jobs isolava le critiche quindi poteva muoversi verso i propri obbiettivi.

Small groups work better (Piccoli gruppi lavorano meglio): Limitare gli incontri tra persone che parlano con cognizione di causa dell’argomento.

Keep things minimal and move quickly (Mantenete le cose minime e muovetevi rapidamente): Le campagne Apple sono realizzate entro un mese.

Simple names are superior (I nomi semplici sono i migliori): Apple non assume esperti in denominazioni, fa affidamento su un team interno ed un gruppo di consulenti pubblicitari.

Simplicity is human (La semplicità è umana): Non un hard disk da 5 gigabyte su un iPod, ma un migliaio di canzoni in tasca.

Simplicity even works in retail (La semplicità funziona sempre nella vendita al dettaglio): Concentratevi sulla qualità, sul design pulito e accogliente e su un servizio clienti fantastico.

Per quanto riguarda invece la biografia ufficiale di Steve Jobs, Harvard Business Review elenca le 30 più importanti lezioni di leadership di Steve Jobs:

Semplicità: Eliminare il tasto on/off dall’iPod dimostra la semplicità Zen di Jobs. L’iPhone non necessita di un manuale utente.

Assumersi la responsabilità: ogni cosa è strettamente collegata, Apple assume la piena responsabilità per l’esperienza utente.

Leapfrog: Non dovete essere un pioniere, ma semplicemente innovare per risolvere i problemi in un modo nuovo.

Il prodotto prima del profitto: concentratevi sul realizzare un grande prodotto e il profitto seguirà.

Non utilizzate i “focus groups”: “il nostro compito è quello di leggere cose che non sono ancora su una pagina”.

Piegare la realtà: il campo di distorsione della realtà consentiva a Jobs di convincere le persone che potevano svolgere un grande lavoro in giorni piuttosto che mesi.

Attribuire: realizzare una confezione in cui l’unpacking è parte della gloria del prodotto.

Pressate per la perfezione: Jobs spingeva il suo team a raggiungere la perfezione ed esserne orgoglioso. “I veri artisti firmano il loro lavoro” diceva Jobs.

Tollerato solo giocatori di classe “A”: Jobs desiderava lavorare solo con le persone più capaci. Non voleva lavorare con incompetenti e modesti.

Impegnatevi nei faccia a faccia: la creatività deriva da incontri spontanei – se un edificio non incoraggia l’innovazione, si perde la magia scatenata dalla semplicità.

Conoscete sia la complessità che i dettagli: la passione di Jobs era impiegata sia riguardo le grandi cose che riguardo quelle piccole.

Mescolate l’umanità con la scienza: nessun altro nella nostra era avrebbe potuto legare insieme la poesia ed i processori in un modo che ha scosso l’innovazione.

Siate affamati, Siate Folli: come Jobs disse nel suo discorso alla Stanford University: seguite i vostri sogni, non vivete la vita di qualcun altro.

[Via]

 

Share.

Leave A Reply

AppleZein | Blog Apple N.1 in Italia per utenti iPhone