”AppleZein

Video | La STORIA di come ho CACCIATO un membro dello STAFF [Aggiornato x11]

Si torna a parlare, stranamente, del famigerato Mendicante, un essere spregevole che ha varcato le porte di AppleZein.

AppleZein, Cacciato, Staff



Video Storia

Come molti di voi sapranno, sono stato lontano da AppleZein per circa 1 anno completo, a causa di gravi e pesanti problemi di salute. Ho viaggiato molto per risolverli, e così è stato, anche se dopo gran parte della mia vita.

Quando non ho più lavorato sul web in quell’intero anno, ho lasciato tutta la baratta nelle mani di una ed una sola persona, che per comodità e per i fatti avvenuti, chiameremo “Il Mendicante”.

Codesto Mendicante ha condiviso con me lavoro, soldi, divertimento e soprattutto amicizia, in tutti gli anni passati fianco a fianco nel mondo di internet. AppleZein ha ormai 11 anni di vita, e con lui ho lavorato per circa 3 anni di questo grande e lungo progetto di lavoro e di vita.

E qui inizia la storia…

Un bel giorno di normale amministrazione, un nostro utente molto attivo mi contatta su Facebook, scrivendo la seguente frase: “Mirko ma il Mendicante lavora su *****?”, citando un nostro sito web concorrente, ed io gli risposi: “no, non lavora in nessun sito Apple esterno ad AppleZein, dato che condividiamo equamente guadagni amicizia e tutto da anni. Non lo farebbe mai!”. Lui rispose: “ma allora ti conviene guardare questo”, ed il ragazzo mi diede i link di tantissimi articoli che il Mendicante aveva scritto per questo sito Apple, che tra l’altro lui stesso aveva sempre e dico sempre criticato, dato che ripeto era un nostro concorrente.

Prima di agire di conseguenza, sentendomi oltre che preso per i fondelli, anche tradito a livello di amicizia, ho contattato ogni singolo membro del mio staff dell’epoca, comprendente grafico, moderatore ecc, chiedendo consigli sul da farsi, prima di agire con eventuale troppa impulsività.

Ogni singolo membro del mio staff mi ha incitato nel cacciare dallo stesso staff il Mendicante, ed ovviamente ho riconosciuto anche in loro amarezza per ciò che fosse accaduto poco prima. Sentendomi però tradito, ho deciso di chiamarlo per un primo ed ultimo confronto “voce a voce”, immergendomi in una discussione molto lunga e tortuosa, finendo con il dire che era fuori dal progetto definitivamente, senza possibilità di rientro in alcun modo, e solo perché è stato in precedenza mio amico non sporgevo denuncia.

Le sue giustificazioni sono state le seguenti: “Mio padre e mia madre hanno perso il lavoro, quindi avevo bisogno di più soldi per aiutarli”.

Prima di prendere la decisione finale, ho cominciato ad effettuare ricerche su di lui in diverso modo, e grazie anche a tantissimi di voi utenti che mi seguono con assiduità da tempo. Spesso capita che ci vengano regalati dei prodotti o degli accessori, in modo da “pagare” il compenso che spetterebbe per una recensione. È saltato fuori che, tutti gli accessori che gli arrivavano personalmente e che doveva poi recensire, e che all’epoca regalavamo agli utenti tramite estrazioni casuali durante le mie Apple LIVE di tanti anni fa, erano messi in vendita sia su eBay che su mercatini all’interno del sito Facebook. Da accordi con i produttori, tutti gli accessori che riceviamo possiamo tenerci per uso personale, dobbiamo regalarli tramite contest, o tramite eventi fisici come day one e/o raduni. Il sito iPelle ad esempio, nostro partner di dell’epoca, che adesso purtroppo credo non esista più, mi ha anche contattato incitandomi a togliere da eBay i loro prodotti in vendita, quando invece non erano stati messi da me ma da un account che riportava al nome del Mendicante.

Dopo tutto ciò, credendo purtroppo alle sue parole, nel quale enunciava che aveva una situazione in famiglia a dir poco penosa e con gravi perdite economiche, ho deciso di credere al “buon senso” di questa persona, perdonando tutte le sue magagne create. Ma lui, come segno di amicizia, prese un aereo e venne a Catania dove abito attualmente, in modo da chiarire meglio la situazione. Abbiamo chiarito alla grande, l’ho anche portato in giro con i miei amici, organizzato un raduno a Catania con tutti voi fan di AppleZein, e l’ho anche fatto dormire a casa mia, pur non essendo convinto al 100%.

Però, a fine serata, una domanda riecheggiava nella mia testa… “Ma se non ha soldi, come fa a pagare il biglietto aereo per un viaggio pressoché inutile, solo per fare pace con me?”. Il mio quesito ha subito avuto risposta perché il Mendicante, subito dopo essere tornato dal viaggio, ha deliberatamente affrontato una vacanza con la propria fidanzata, di un’intera settimana in Puglia. Il tutto a testimonianza del fatto che i soldi “gli mancavano”. Dopo qualche mese uscì iPhone 5s, ed il Mendicante acquistò il suddetto prodotto non appena uscì, sempre perché lui non aveva soldi per vivere ed i suoi genitori non ne avevano a loro volta, e lui stesso aveva tradito la mia amicizia solo per mancanza di quei fottutissimi soldi.

Dopo tutte queste belle spese, che a me sembravano un’ulteriore presa per i fondelli, ho chiesto al Mendicante spiegazioni, e la sua risposta è stata: “Sono soldi guadagnati da me in passato quindi non devo darli ai miei genitori anche se siamo poveri”, e la seguente risposta è stata: “quindi i soldi che guadagni su AppleZein sono da dare ai tuoi genitori, mentre il resto no? Li aiuti bene i tuoi genitori nel momento del bisogno!”.

Ciò nonostante, imperterrito ho continuato a tenerlo con i ragazzi dello staff, e lui, come ormai di consueto, ha acquistato ben 200€ di cuffie, ma sempre perché lui e la sua famiglia non avevano soldi e lui doveva aiutarli, ed è per questo che ha lavorato di soppiatto, e venduto sottobanco accessori non destinati alla vendita ma al regalo per voi utenti.

Ma bando alle ciance, io e gli altri membri dello staff ce ne siamo deliberatamente fregati. Fino a quando, un bel giorno, il signor Mendicante ha fatto traboccare il vaso in maniera esorbitante, ma non con una goccia, con un’intera sacchiellata d’acqua.

(Il  blu ovviamente sono io)

____________________________________

Da notare che quel giorno ha invitato amici a casa sua per giocare alla PlayStation, e ha deliberatamente detto che era ad un fantomatico e sconosciuto lavoro, mentre alla fine era in giro con amici e fidanzata per puro divertimento, mentendomi nuovamente come amico e sul lavoro.

Uno dei vecchi ragazzi che hanno lavorato su AppleZein, colui che poi ha preso il posto del Mendicante ma sotto stretta sorveglianza, dopo qualche mese ha ricevuto delle mail di lamentala, scritte tutte da aziende che si lamentavano per non aver ricevuto mai una recensione di un prodotto o di un’app che avevano fornito gratuitamente al Mendicante. Il ragazzo dello staff si è dovuto giustificare dicendo che il Mendicante non faceva più parte del nostro gruppo per i motivi che sapete, e che per qualsiasi cosa dovevano rivolgersi all’indirizzo di casa che lui stesso aveva fornito a queste aziende per la spedizione, compreso di numero del cellulare.

Con il passare dei giorni sono arrivate decine di mail identiche, contenenti tutte le stesse identiche frasi, ed il nome AppleZein ha fatto una figuraccia molto grossa a livello aziendale, scatenando la fuori di alcuni nostri vecchi partner commerciali, che successivamente ci hanno abbandonato, inficiando gravemente sui guadagni di tutti noi.

Inoltre alcuni membri dello staff avevan anche scoperto, che in alcuni articoli scritti proprio dal Mendicante, lui inseriva manualmente una doppia pubblicità non consentita, guadagnando due volte di più di ogni persona presente su AppleZein come blogger.

Dopo tutto ciò, quindi le offese alla mia salute, le prese per i fondelli con bugie palesemente stupide e visibili, la mia reazione è stata ingiustamente delicata, perché avrei dovuto fare molto di più. Però l’ho fatto, e quindi ho rimosso tutta la pubblicità che lui aveva messo all’interno dei suoi articoli, e cancellato ogni suo nominativo all’interno dei portali Zein, all’epoca 4 per l’esattezza, dato che non volevo rubasse ancora ciò che non fosse più suo neanche in parte.

Aggiornamento x1: Un nostro utente ci ha appena segnalato su Facebook questa stupenda rivelazione: “aaaaa ecco perché l’anno scorso non ho ricevuto il premio del torneo di Ruzzle fatto da AppleZein. Contattai te Mirko, e mi dicesti che se ne occupava lui, lo contattai e mi disse che i premi li aveva inviati già ai vincitori, e gli dissi che ero uno di quelli e non avevo avuto il premio. Lui disse che ormai era passato già un mese e non si poteva fare nulla…… -.-“.

Ci complimentiamo ancora una volta con il Mendicante!

Aggiornamento x2: Ciò nonostante ha anche avuto il coraggio dopo anni ed anni, senza motivo, di votare una stella iAppZein, l’app attualmente più scaricata d’Italia per le Apple News italiane, del quale io sono proprietario, ma ha pensato bene di lasciare la precedente votazione positiva, permettendoci di riconoscerlo immediatamente come “metalr3”, suo storico nick usato su internet.



Aggiornamento x3: Un nostro vecchio membro dello staff ci teneva a ricordare un fatto accaduto tempo fa, e noi gli diamo spazio su quest’articolo, dato che l’argomento è sempre lo stesso: l’anno scorso, un ragazzo era entrato nello staff in prova per seguire il nostro tirocinio di ammissione. Il ragazzo commetteva sempre molti errori ortografici o anche di composizione dell’articolo stesso, e alla fine non lo abbiamo preso per ovvie ragioni. Ci teneva a mostrarmi gli screen che attestano un fatto davvero sconcertante, che purtroppo, per sua volontà, non possiamo mostrare. Il ragazzo mi ha mostrato lo screen del suo articolo finito e pubblicato ad un orario, che, per comodità, indicheremo come le 10:00 del mattino. Mi mostra un secondo screen, con orario corrispondente alle 12:00 del mattino, in cui il Mendicante, aveva modificato l’articolo dal pannello, dato che si possono visionare i nomi di tutti coloro che hanno effettuato le ultime modifiche ad un post, evidenziando tantissimi errori. Il ragazzo appunto si lamentava del fatto che qualcuno modificasse i suoi articoli per farli apparire sbagliati, ed oggi mi sento in dovere di chiedere scusa a questo ragazzo, perché mi ha mostrato le prove che smascherano il colpevole, ovvero il Mendicante. Mi dispiace davvero molto per l’accaduto, e spero tanto che lui abbia trovato un qualcosa migliore da fare nella vita, perché era valido e con grandi potenzialità, purtroppo distrutte dal Mendicante.

Aggiornamento x4: Volevo anche farvi sapere una cosa che purtroppo ci ha segnati, grazie sempre al Mendicante. Qualche tempo fa mi contattarono dei ragazzi del sito BeiPhone, che non so se esiste ancora ad oggi, dicendomi che stavamo copiando dei loro articoli. Io ho risposto che non copiavamo nessuno, ma loro insistendo crearono un articolo in cui dimostravano che copiavamo. Indovinate chi copiava? Il Mendicante!

Lascio a voi i commenti. Non mi resta che scusarmi ancora una volta con i ragazzi di BeiPhone per l’accaduto.

Aggiornamento x5: Sono venuto a conoscenza di un altro fatto davvero spiacevole e deludente. Il Mendicante, mentre lavorava da noi, scriveva anche di nascosto su un ennesimo blog, e quindi percepiva soldi da una parte e dall’altra, rubando quindi ingiustamente in tutti i sensi ad AppleZein, come potete vedere dallo screen qui sotto.

foto1

Aggiornamento x6: Giornata piena di scoperte direi. Con questo siamo a 3 aggiornamenti in un solo giorno.

Vi faccio presente anche che è arrivata un’ennesima mail di gente che si lamenta ancora per colpa delle ladrate del Mendicante, e sempre io devo metterci la faccia per gli errori di un Mendicante qualsiasi.

Aggiornamento x7: Ho ritrovato una delle tante mail arrivate alla mia casella di posta lavorativa. Questa mail è stata ricevuta da un vecchio membro dello staff, e si può notare come la suddetta società recrimini dei codici redeem (di applicazioni a pagamento su App Store) che il Mendicante aveva chiesto ma senza mai pubblicare la recensione prefissata. Ci teniamo anche a dirvi che il programma in questione costa 30$, quindi 30$ x 3 codici redeem = “90$” rubati e messi nelle sue tasche!

____________________________________

Aggiornamento x8: Sono appena venuto a conoscenza di un’altra truffa organizzata dal nostro caro Mendicante. Esiste un sito chiamato AlVerde.net, che permette di vendere spazi pubblicitari ad altre persone. Ho recentemente scoperto che il Mendicante vendeva, senza nessun’autorizzazione, spazi pubblicitari su questo sito a prezzi di vendita del doppio più alti. rispetto a quelli che vendevamo su AppleZein in quel periodo. Il trucco dove stava? Io Mirko gli riferivo che uno spazio era disponibile, ad un prezzo di 150€ ad esempio. Se lui avesse venuto lo spazio, 75€ sarebbero stati suoi e 75€ sarebbero andati nelle casse di AppleZein quindi mie. Invece, il furbetto, vendeva la pubblicità a 300€. Così facendo, dando a me i 75€, intascava ben 225€, senza ovviamente che io sapessi nulla. Vi pubblico gli screen, in modo da farvi rendere conto, ancora una volta, se non siete convinti, di come il Mendicante sia un ladro, un truffatore, ed un “Mendicante”!

______________________________________

Aggiornamento x9 – 14/09/2014: Torniamo dopo mesi e mesi a parlare del caro Mendicante. Mi ha contattato un membro dello staff, che è con noi da tantissimi anni, dicendo che il Mendicante lo aveva recentemente contattato. Incuriosito gli chiesi il perché, e lui mi rispose che il Mendicante voleva un posto letto a casa sua, perché aveva trovato lavoro a Milano.

Io mi chiedo ancora oggi, con quale faccia pretendi un posto letto da una persona che fa parte del gruppo che ha rovinato, derubato e sputtanato in passato? Proprio un Mendicante, nel vero senso della parola.

Aggiornamento x10 – 14/09/2014: Un fedele utente di AppleZein, che ringrazio per la segnalazione, mia ha fornito le immagini del Mendicante mentre tenta ancora di vendere roba sul famoso mercatino di Facebook, dove aveva in passato messo in vendita le custodie e gli accessori destinati a voi utenti per dei contest. Lui stava vendendo il suo personale iPhone, ed un sacco di custodie e cover, tutte corrispondenti alla descrizione dei prodotti mancanti che lamentavano le aziende in svariate mail, continuando quindi un ciclo di truffa infinito.

Ci complimentiamo ancora una volta con te Mendicante…

Aggiornamento x11 – 27/07/2020: Non pensavo di modificare nuovamente questo specifico articolo, dato che non sentiamo parlare del mendicante da ormai parecchi anni, ma torno qui per informare i veterani di AppleZein ancora una volta, e lo faccio parlandovi di due fatti accaduti, ovvero il primo risalente a circa 4/5 anni fa, anni in cui il Mendicante e la sua fidanzata hanno provato ad aggiungermi nuovamente su Instagram o Facebook, ovviamente senza successo, mentre il secondo, ancor più grave, riguarda degli strascichi di truffa che questo individuo ha compiuto nei miei confronti, nei confronti di diverse aziende, ed anche di poveri malcapitati. In sostanza, vendeva pubblicità del blog AppleZein, nei miei periodi di assenza per problemi di salute, per far soldi privatamente, senza ovviamente interpellare me, e prendendo l’intera fetta del guadagno per se stesso. Poi la gente mi chiede perché faccio il lavoro di 15 persone, ma tutto da solo…



Da 11 anni cerco di dare un senso al mondo del web, trovando sempre strade nuove da intraprendere, con un tocco di follia.