La EFF segna il ‘notevole miglioramento’ di Apple nel proteggere i dati dei clienti da parte dei governi, nel suo nuovo rapporto di quest’anno.

screen-shot-2014-05-15-at-3-26-29-pm

La Electronic Frontier Foundation (EFF) ha pubblicato ieri¬†il suo rapporto annuale “Who Has Your Back?” (lo abbrevier√≤ WHYB) che valuta¬†e confronta come le grandi aziende affrontano le richieste di dati governative. La classifica dell’EFF sulla trasparenza delle¬†societ√† di tecnologia sulla richiesta dei dati¬†√® notevole perch√© l’organizzazione √® la “principale organizzazione no-profit in difesa delle libert√† civili nel mondo digitale“. Il rapporto classifica le aziende sulla base di sei categorie:

  • Richiede un mandato per i contenuti;
  • Avvisa¬†gli utenti in merito alle richieste di dati;
  • Pubblica relazioni di trasparenza;
  • Pubblica le linee guida delle applicazioni di legge;
  • Combatte per i diritti della privacy degli utenti nei tribunali;
  • Combatte per i diritti della privacy degli utenti nel Congresso.

Quest’anno, Apple ha ricevuto una stella per ciascuna delle sei categorie.

screen-shot-2014-05-15-at-3-31-56-pm

La EFF osserva che si tratta di un miglioramento significativo nel corso degli ultimi anni di monitorazione in cui Apple ha ricevuto solo una stella:

Apple ha guadagnato credito in tutte le 6 categorie nel rapporto WHYB di¬†quest’anno. La valutazione di Apple √® particolarmente sorprendente perch√© era rimasta indietro rispetto ai concorrenti del settore negli anni precedenti, guadagnando solo una stella nel 2011, 2012 e 2013. Apple mostra un miglioramento notevole nei suoi impegni verso la trasparenza e la privacy.

La EFF fornisce anche spiegazioni sul perché ogni società ha ricevuto una stella per ogni categoria. Ecco i dettagli per Apple:

Mandato¬†per i contenuti. Apple richiede un mandato prima di fornire contenuti alle forze dell’ordine. In particolare, nella sua relazione di trasparenza di Novembre ha dichiarato:

Come abbiamo spiegato, qualsiasi agenzia governativa che chiede contenuti sui clienti da Apple deve ottenere un ordine del tribunale.

Informare gli utenti in merito a richieste di dati governativi. Apple ha promesso di indicare agli utenti se il governo cerca i propri dati. Secondo la sua politica che sarà prestopubblicata:

Apple informa i propri clienti quando le loro informazioni personali vengono chieste in risposta ad azioni legali eccetto quando darne comunicazione è vietata dal processo giuridico stesso, da un ordine del tribunale che Apple ha riceve (ad esempio, un ordine sotto il 18 U.S.C. §2705(b)), o dalla legge applicabile o laddove Apple, a propria esclusiva discrezione, ritiene che la fornitura di avviso potrebbe creare un rischio di lesioni o morte di una persona fisica identificata o gruppo di individui o in situazioni in cui il caso si riferisce a rischio del bambino.

Pubblicare relazione di trasparenza. Apple ha pubblicato la prima relazione di trasparenza nel Novembre 2013, indicando per paese quante richieste giuridiche aveva ricevuto, rispettato, e quanti account erano interessati. Apple include informazioni su ordinanze del tribunale FISA ai sensi della sezione 215 nella sua relazione di trasparenza.

Pubblicate le guide incaricate dell’applicazione della legge. Apple¬†pubblica i suoi orientamenti delle forze dell’ordine.

Lotta per la privacy degli utenti nei tribunali. Apple sta aggiungendo la seguente dichiarazione al suo aggiornamento relazione di trasparenza, prevista per maggio 2014:

Se c’√® qualche domanda circa la legittimit√† o la portata del provvedimento giudiziario, lo sfidiamo e lo abbiamo gi√† fatto l’anno scorso.

Opporsi alla sorveglianza di massa. Apple è un membro della Riforma del Governo di sorveglianza di coalizione, che afferma che:

I governi dovrebbero limitare la sorveglianza a specifici utenti noti per scopi leciti, e non dovrebbero intraprendere la raccolta di dati in massa delle comunicazioni via Internet.

Naturalmente, l’attenzione di Apple per migliorare sensibilmente le sue politiche sulla¬†richiesta dei dati viene alla luce delle accuse e delle informazioni riguardanti la sorveglianza NSA e le perdite dall’ex imprenditore NSA Edward Snowden. Proprio all’inizio di questo mese, Apple ha pubblicato nuove informazioni su come gestisce le richieste di dati governativi. Apple ha anche iniziato a notificare i clienti che hanno avuto i loro dati richiesti dalle agenzie governative.

[via]

Share.

Leave A Reply