Secondo quanto riportato dalla fonte di oggi, un dirigente Apple ha confermato un qualcosa di davvero importante sugli iPhone 2020.

iPhone 2020, Immagini, Anteprima

Greg Joswiak, attuale vicepresidente del marketing inerente ai prodotto Apple, ha recentemente parlato con il Daily Express del Regno Unito, spiegando il futuro dei suoi sistemi di autenticazione biometrica, rilevando che, mentre Face ID verrà esteso a più dispositivi nel tempo, il Touch ID continuerà ad avere un ruolo molto importante nel breve periodo.

Ecco parte della sua dichiarazione ufficiale alla stampa:

Certamente, continueremo a mettere il Face ID su più dispositivi, ma utilizzeremo nuovamente anche il Touch ID, che continuerà ad avere un ruolo: è una grande tecnologia nella nostra gamma di iPad e non la vedremo scomparire presto.

Attualmente, gli ultimi modelli di iPad Pro 2018 sono dotati del sistema Face ID più costoso e completo, mentre la fascia bassa di iPad, comprendente iPad 2018, iPad Air 2019 ed iPad Mini 2019, possiedono ancora un tasto home con sensore per il riconoscimento delle impronte digitali Touch ID, per un costo più contenuto. Successivamente, Apple ha introdotto anche il Touch ID su alcuni modelli di Mac, ovvero i nuovi MacBook Pro ed i nuovi MacBook Air.

Per quanto riguarda gli iPhone invece, Apple continua a vendere modelli precedenti ad iPhone X con ancora il Touch ID, mentre i nuovi modelli in arrivo domani, ed anche quelli dello scorso anno, continueranno ad avere un Face ID, ovvero il sensore True Depth per il riconoscimento facciale. Secondo le ultime indiscrezione, dai modelli di iPhone 2020 in poi, Apple unirà per la prima volta al mondo la tecnologia Face ID con la tecnologia Touch ID, dando vita allo sblocco più sicuro e completo del mondo.

Offrire sia il sensore Touch ID che il sensore Face ID aumenterebbe la praticità e la velocità di sblocco dei futuri iPhone 11s. Ciò significa che il Touch ID può compensare i punti deboli del Face ID e viceversa.

Ad esempio, il Face ID non funziona quando l’utente indossa alcuni tipi di foulard religiosi o maschere da sci. Questi utenti potrebbero semplicemente dipendere principalmente dal Touch ID. Gli utenti con condizioni particolari della pelle, come la psoriasi, non saranno in grado di utilizzare gli sblocchi delle impronte digitali e quindi potranno fare affidamento sul sistema Face ID.

Allo stesso modo, un utente medio a volte vuole usare il proprio iPhone piatto sulla scrivania, e lo il Face ID non è molto adatto a questa determinata situazione, ma l’esistenza anche di un Touch ID compenserebbe tale carenza. Inoltre, il Touch ID non funziona quando le dita sono bagnate, ma il Face ID non è minimamente influenzato dalla pelle bagnata.

Insomma, non sappiamo ancora con certezza se questa novità arrivi o meno entro il 2020 o il 2021, ma una cosa è certa, Apple sta lavorando per portare nelle nostre tasche quest’unione.

Vi ricordo che AppleZein.net, trasmetterà  in DIRETTA, interamente in lingua Italiana, l’intero evento del nuovo iPhone 11, tramite la pagina apposita YouTube.com/c/applezein/live. Il tutto inizierà  giorno 10 settembre dalle ore 18:15.

Potete seguire l’evento anche tramite la nostra applicazione gratuita per iPhone ed iPad chiamata iAppZein, attivando le notifiche, che trovate tramite questo link, oppure grazie al nostro canale Telegram, che trovate su quest’altro link.

Fammi sapere la tua! Commenta sui vari Social Network di AppleZein! La tua opinione è importante per me!

Non hai ancora la mia App? Che aspetti? Scaricala per iPhone ed iPad! È GRATIS! http://bit.ly/iAppZein

ISCRIVITI al mio Canale YouTube UFFICIALE! http://bit.ly/2ekhCrr

Entra a far parte della grande famiglia di AppleZein, acquistando anche tu una maglietta, felpa o tazza con il nostro logo http://bit.ly/2IkYcz1

Seguimi su Telegram: https://telegram.me/applezein

Seguimi su Twitter: http://bit.ly/2ejZpWf

Seguimi su Facebook: http://bit.ly/2ehAeFh

Segui AppleZein su Instagram: https://goo.gl/fNmRMl

Segui ME su Instagram: http://bit.ly/313R9Bs

[via]

Share.

Comments are closed.